Home Curriculum Blog Mappa del sito E-mail Storico
Tra leggi e sentenze la storia "illegale" della televisione italiana

Lo strano caso della televisione che non c'Ŕ. Al suo posto Rete 4 Ŕ una TV "abusiva". Mentre Sky non ci permette di vedere tutte le televisioni via satellite. E la Rai Ŕ sempre pi¨ sotto il controllo del governo. Intanto dobbiamo cambiare i televisori o comperare i decoder per il digitale terrestre. C'Ŕ qualcosa che non funziona?

Iacobelli editori
In libreria e on line
Per saperne di pi¨
BLOG

 

- BLOG
A volte in agosto succedono cose strane. Il blog dell'anomalia non va in vacanza.
La censura di "Videocracy", incredibile autogol della Rai (28 agosto)
Il documento: Videocracy: cosý la Rai spiega la censura
Noi tecnici abbiamo sbagliato qualcosa? (Giorgio, 27 agosto)
Arriva il primo decoder Tiv¨ Sat. Ma Ŕ nascosto (26 agosto)
La Rai perde ascolti e forse qualcosa si muove per i decoder di Sky (22 agosto)
Spettatori furiosi per i canali oscurati su Sky. Ma non sanno che... (14 agosto)
La Rai sotto attacco nella guerra delle "piattaforme" (5 agosto)
RaiSat "scende" da Sky. E Tiv¨ Sat non Ŕ nei negozi (1. agosto)

Verso la fine del monopolio di Sky e del suo decoder blindato

"Tiv¨". La nuova televisione o la vecchia anomalia?

Forse il 31 luglio 2009 potrebbe essere ricordato come il primo giorno della TV "libera" in Italia.  Forse. PerchÚ il "duomonopolio" non morirÓ facilmente. Si difende anche con i costi e le complicazioni di tre decoder, di cui due inutili.

27 luglio 2009

Lo slogan che accompagna il logo Tiv¨ Sat dice "LibertÓ di visione". Ma ufficialmente la piattaforma - gratuita - viene presentata come tappabuchi, la soluzione per far vedere i canali del digitale terrestre anche a chi risiede nelle zone d'ombra del segnale. Uno strano understatement. Di fatto, se saranno mantenute le promesse, Tiv¨ Sat offrirÓ anche alle piccole emittenti la visibilitÓ su tutto il territorio nazionale, a un costo molto basso: ventimila euro l'anno. Spiccioli, di fronte ai costi di gestione di una rete di trasmettitori terrestri.
Tuttavia il lancio di Tiv¨ Sat Ŕ accompagnato da molte critiche: nuovi costi per gli utenti, altri vantaggi per Mediaset, violazione delle normative antitrust e via protestando. Cerchiamo di capire gli aspetti positivi e quelli problematici della nuova piattaforma.(continua)
Ancora in primo piano
Per evitare la procedura di infrazione il governo "inventa" cinque nuovi canali terrestri. Che di fatto saranno tre. E il nuovo consorzio Tiv¨ Sat si scontrerÓ col problema del decoder blindato di Sky, che non riceve altri canali.
TV digitali, grandi manovre in terra e in cielo
Inutile o indispensabile?
Sui problemi dello
switch-over dalla televisione terrestre analogica a quella digitale si registrano lamentele non sempre giustificate e si leggono notizie non sempre corrette. Cerchiamo di mettere in chiaro qualche punto importante.
Tutta la veritÓ sul digitale terrestre
AutoritÓ per le garanzie nelle comunicazioni - Delibera N. 427/09/CONS
Consultazione pubblica sullo schema di provvedimento relativo alle procedure per l'assegnazione delle frequenze disponibili in banda televisiva per sistemi di radiodiffusione digitale terrestre e misure atte a garantire condizioni di effettiva concorrenza (29.07.09)
Lingua lessa e cervello fritto
Scienza della comunicazione?
L'accesso alla professione e la condizione dei precari
L'articolo del 14 maggio Ordine dei giornalisti: inutile proposta di legge ha suscitato un certo interesse e anche una risposta da parte dell'ufficio comunicazione dell'Ordine. La discussione Ŕ aperta ai contributi di tutti.
Giornalisti e precari: la casta dei "giornalari"
Il blog dei giornalari - Aggiornamento 9 giugno
Il testo vigente della legge sul diritto d'autore finalmente ricostruito

InterLex - Anno XIII N. 392 ę Manlio Cammarata 2009

Informazioni di legge