Manlio Cammarata repoprter Manlio Cammarata reporter - Archivio 2006-2013
Home Curriculum Blog Mappa del sito E-mail Storico
Normativa

Decreto del Presidente della Repubblica 11 agosto 1975, n. 452
Approvazione ed esecuzione della convenzione tra il Ministero delle poste e delle telecomunicazioni e la RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA, S.P.A.

(GU n. 248 SUPPL.ORD. del 17/09/1975)

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

VISTO L' ART.87,COMMA QUINTO, DELLA COSTITUZIONE ;

VISTO IL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE IN MATERIA POSTALE,DI BANCOPOSTA E DI TELECOMUNICAZIONI,APPROVATO CON DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 29 MARZO 1973,N.156 ;

VISTA LA LEGGE 14 APRILE 1975,N.103 ,RECANTE NUOVE NORME IN MATERIA DI DIFFUSIONE RADIOFONICA E TELEVISIVA;

VISTO IL DECRETO MINISTERIALE 22 MAGGIO 1975 APPROVATIVO DELLO STATUTO DELLA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA,SOCIET└ PER AZIONI;

VISTA LA DELIBERA DEL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA,IN DATA 1 AGOSTO 1975,RELATIVA AI TEMPI ED AI MODI DELL'INTRODUZIONE DELLE TRASMISSIONI TELEVISIVE A COLORI;

SENTITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI;

SENTITO IL CONSIGLIO SUPERIORE TECNICO DELLE TELECOMUNICAZIONI;

SENTITA LA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER L'INDIRIZZO GENERALE E LA VIGILANZA DEI SERVIZI RADIOTELEVISIVI;

SENTITO IL CONSIGLIO DEI MINISTRI;

SULLA PROPOSTA DEL MINISTRO PER LE POSTE E LE TELECOMUNICAZIONI,DI CONCERTO CON IL MINISTRO PER IL TESORO;

DECRETA:

ART.1.

  SONO CONCESSI ALLA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA,SOCIET└ PER AZIONI,ALLE CONDIZIONI E CON LE MODALIT└ STABILITE DALL'ACCLUSA CONVENZIONE,IL SERVIZIO PUBBLICO DELLA RADIO E DELLA TELEVISIONE SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE,IN ESCLUSIVA,ED IL SERVIZIO DI RADIOFOTOGRAFIA CIRCOLARE,SENZA ESCLUSIVIT└.

ART.2.

  ╚ APPROVATA E RESA ESECUTIVA L'ANNESSA CONVENZIONE STIPULATA TRA IL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI E LA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A. ,AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL' ART.196 DEL TESTO UNICO APPROVATO CON DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 29 MARZO 1973,N.156 .

  IL PRESENTE DECRETO,MUNITO DEL SIGILLO DELLO STATO,SAR└ INSERTO NELLA RACCOLTA UFFICIALE DELLE LEGGI E DEI DECRETI DELLA REPUBBLICA ITALIANA.╚ FATTO OBBLIGO A CHIUNQUE SPETTI DI OSSERVARLO E DI FARLO OSSERVARE.

DATO A ROMA,ADD╠ 11 AGOSTO 1975
LEONE
MORO-ORLANDO
-COLOMBO
VISTO,IL GUARDASIGILLI:REALE
REGISTRATO ALLA CORTE DEI CONTI,ADD╠ 13 SETTEMBRE 1975
ATTI DI GOVERNO,REGISTRO N.12,FOGLIO N.14

Annesso A

CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI E LA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A. ,PER LA CONCESSIONE DEL SERVIZIO PUBBLICO DI DIFFUSIONE RADIOFONICA E TELEVISIVA CIRCOLARE IN ESCLUSIVA,E DEL SERVIZIO DI RADIOFOTOGRAFIA CIRCOLARE NON IN ESCLUSIVA.

Preambolo

VISTA LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI DIFFUSIONE RADIOFONICA E TELEVISIVA,DETTATA DALLA LEGGE 14 APRILE 1975,NUMERO 103 ;

VISTO L'ART.3 DELLA PREDETTA LEGGE N.103,CHE ATTRIBUISCE AL GOVERNO LA FACOLT└ DI PROVVEDERE AL SERVIZIO PUBBLICO DELLA RADIO E DELLA TELEVISIONE MEDIANTE ATTO DI CONCESSIONE AD UNA SOCIET└ PER AZIONI A TOTALE PARTECIPAZIONE PUBBLICA;

VISTO L'ART.46 DELLA STESSA LEGGE N.103 CHE HA PROROGATO LA CONVENZIONE TRA LO STATO E LA RAI 26 GENNAIO 1952 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI,FINO ALL'ENTRATA IN VIGORE DELLA NUOVA CONVENZIONE;

VISTO LO STATUTO DELLA RAI- RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A. APPROVATO CON DECRETO MINISTERIALE 22 MAGGIO 1975 ;

SENTITO IL PARERE DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER L'INDIRIZZO GENERALE E LA VIGILANZA DEI SERVIZI RADIOTELEVISIVI;

TRA IL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI (AMMINISTRAZIONE DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI) IN PERSONA DEL DIRETTORE GENERALE,DOTT.UGO MONACO,E LA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA,SOCIET└ PER AZIONI CON SEDE SOCIALE IN ROMA,CON CAPITALE VERSATO DI LIRE 10.000.000.000, RAPPRESENTATA DAL PRESIDENTE,ON.PROF.BENIAMINO FINOCCHIARO,ALL'UOPO DELEGATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA RAI IN DATA 7 AGOSTO 1975,SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO APPRESSO.

ART.1. OGGETTO DELLA CONCESSIONE

  ╚ CONCESSO IN ESCLUSIVA ALLA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A. ,CHE D'ORA IN AVANTI SAR└ BREVEMENTE INDICATA COME _RAI_ O _SOCIET└ CONCESSIONARIA_,IL SERVIZIO PUBBLICO DI DIFFUSIONE CIRCOLARE DI PROGRAMMI RADIOFONICI E TELEVISIVI DI CUI AGLI ARTICOLI 1 E 2 DELLA LEGGE 14 APRILE 1975, N.103,ALLE CONDIZIONI E CON LE MODALIT└ DI CUI AI SUCCESSIVI ARTICOLI.

  LA DIFFUSIONE CIRCOLARE DI PROGRAMMI RADIOFONICI VIA ETERE O,SU SCALA NAZIONALE,VIA FILO E DI PROGRAMMI TELEVISIVI VIA ETERE,O,SU SCALA NAZIONALE,VIA CAVO E CON QUALSIASI ALTRO MEZZO COSTITUISCE,AI SENSI DELL' ARTICOLO 43 DELLA COSTITUZIONE ,UN SERVIZIO PUBBLICO ESSENZIALE ED A CARATTERE DI PREMINENTE INTERESSE GENERALE,IN QUANTO VOLTA AD AMPLIARE LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI E CONCORRERE ALLO SVILUPPO SOCIALE E CULTURALE DEL PAESE IN CONFORMIT└ AI PRINCIPI SANCITI DALLA COSTITUZIONE.

  L'INDIPENDENZA,L'OBIETTIVIT└ E L'APERTURA ALLE DIVERSE TENDENZE POLITICHE,SOCIALI E CULTURALI,NEL RISPETTO DELLE LIBERT└ GARANTITE DALLA COSTITUZIONE,SONO PRINCIPI FONDAMENTALI DELLA DISCIPLINA DEL SERVIZIO PUBBLICO RADIOTELEVISIVO.

  LA CONCESSIONE COMPRENDE:

a)  LA DIFFUSIONE CIRCOLARE DI PROGRAMMI RADIOFONICI VIA ETERE;

b)  LA DIFFUSIONE CIRCOLARE,SU SCALA NAZIONALE,DI PROGRAMMI RADIOFONICI VIA FILO E CON QUALSIASI ALTRO MEZZO TRASMISSIVO DI TIPO GUIDATO;

c)  LA DIFFUSIONE CIRCOLARE DI PROGRAMMI TELEVISIVI VIA ETERE;

d)  LA DIFFUSIONE CIRCOLARE,SU SCALA NAZIONALE,DI PROGRAMMI TELEVISIVI VIA CAVO E CON QUALSIASI ALTRO MEZZO TRASMISSIVO DI TIPO GUIDATO.

  LA CONCESSIONE COMPRENDE ALTRES╠:

  L'INSTALLAZIONE E L'ESERCIZIO TECNICO DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DESTINATI ALL'INDICATO SERVIZIO DI DIFFUSIONE CIRCOLARE,SONORA E TELEVISIVA,ECCETTUATI L'INSTALLAZIONE E L'ESERCIZIO DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DI CUI AI TITOLI II E III DELLA LEGGE 14 APRILE 1975,N.103 ;

  LA TRASMISSIONE,MEDIANTE GLI IMPIANTI PREDETTI,DI PROGRAMMI DI QUALSIVOGLIA NATURA,SIA ALL'INTERNO,SIA ALL'ESTERO.

  ╚ CONCESSO INFINE ALLA RAI IL SERVIZIO DI RADIOFOTOGRAFIA CIRCOLARE,SENZA ESCLUSIVIT└.

  ╚ VIETATA LA SUB-CONCESSIONE,ANCHE PARZIALE,DEI SERVIZI.

ART.2. FONTI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI

  LA RAI ╚ TENUTA AD ESERCITARE I SERVIZI IN CONCESSIONE NEL RISPETTO DELLE PRESCRIZIONI E DEI PRINCIPI CONTENUTI NELLA LEGGE 14 APRILE 1975,N.103 E NEI REGOLAMENTI APPLICATIVI,E,IN QUANTO CON ESSI COMPATIBILI,DELLE ALTRE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI TELECOMUNICAZIONI,NONCH╔ DEGLI ACCORDI INTERNAZIONALI E DELLE NORME TECNICHE,EMANATE DAGLI ORGANISMI INTERNAZIONALI COMPETENTI, CONCERNENTI LA STESSA MATERIA.

ART.3. ATTIVIT└ COLLATERALI

  LA RAI PROVVEDE ALLA CONSERVAZIONE E DIFFUSIONE DELLE PROPRIE PRODUZIONI ARTISTICHE E CULTURALI E DI QUELLE COMUNQUE CONNESSE ALLE ATTIVIT└ ISTITUZIONALI ANCHE AL FINE DEL LORO SFRUTTAMENTO COMMERCIALE.ESSA PUĎ,PERTANTO,ESERCITARE LE CORRELATIVE ATTIVIT└ ECONOMICHE-EDITORIALE,LIBRARIA, DISCOGRAFICA,DI SUPPORTI AUDIOVISIVI,DI SFRUTTAMENTO CINEMATOGRAFICO,TEATRALE E CONCERTISTICO,DI VENDITA DEI PROGRAMMI E DI UTILIZZAZIONE DEI DIRITTI DA LORO DERIVANTI,DI CONSEGUIMENTO E SFRUTTAMENTO DI BREVETTI,DI ASSISTENZA E DI COLLABORAZIONE TECNICA A TERZI E SIMILI-PURCH╚ NON RISULTINO DI PREGIUDIZIO AL MIGLIORE SVOLGIMENTO DEI PUBBLICI SERVIZI CONCESSI E CONCORRANO ALLA EQUILIBRATA GESTIONE AZIENDALE.

  ALLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVIT└ DI CUI AL PRECEDENTE COMMA LA RAI POTR└ PROVVEDERE DIRETTAMENTE O A MEZCO SOCIET└ COLLEGATE,DI TOTALE O PREVALENTE SUA PROPRIET└,NEL CUI AMBITO LA SOCIET└ CONCESSIONARIA INFORMER└ LA SUA ATTIVIT└ ALLA LEGGE 14 APRILE 1975,N.103 .

  LA RAI HA ALTRES╠ FACOLT└,ALLE CONDIZIONI DI CUI AL PRIMO COMMA,DI UTILIZZARE I PROPRI IMPIANTI TECNICI PER LA ORGANIZZAZIONE DI VIDEOCONFERENZE,PER LA PREDISPOSIZIONE E IL TRANSITO DI PROGRAMMI TELEVISIVI DA E PER L'ESTERO,E SIMILI.

  LA PUBBLICIT└ RADIOFONICA E TELEVISIVA ╚ AMMESSA,COMPATIBILMENTE CON LE FINALIT└ DI PUBBLICO INTERESSE DEI SERVIZI CONCESSI,NEI LIMITI DERIVANTI DALLA LEGGE, DAGLI INDIRIZZI GENERALI STABILITI IN MATERIA DALLA COMPETENTE COMMISSIONE PARLAMENTARE E DALLE ESIGENZE DI TUTELA DEL CONSUMATORE E DEGLI ALTRI SETTORI DELL'INFORMAZIONE E DELLE COMUNICAZIONI DI MASSA.

  AD ESSA LA RAI,IN ATTUAZIONE DEGLI INDIRIZZI GENERALI DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE,POTR└ PROVVEDERE DIRETTAMENTE OPPURE A MEZZO DELLA SOCIET└ ITALIANA PUBBLICIT└ RADIOFONICA (SIPRA),IL CUI CAPITALE,IN TAL CASO,DOVR└ RIMANERE INTERAMENTE DI PROPRIET└ DELLA SOCIET└ CONCESSIONARIA.

  ATTIVIT└ TECNICHE COLLATERALI RELATIVE ALLA PUBBLICIT└ RADIOFONICA E TELEVISIVA POTRANNO ESSERE SVOLTE ANCHE DALLA CONSOCIATA SOCIET└ ANONIMA COMMERCIALE INIZIATIVE SPETTACOLI (SACIS) FERMA RIMANENDO LA SUDDIVISIONE DEL PACCHETTO AZIONARIO TRA GLI ATTUALI TITOLARI.

  NON ╚ AMMESSA LA PARTECIPAZIONE DELLA RAI A SOCIET└ DI PERSONE.

ART.4. CAPITALE DELLA RAI

  LE AZIONI DELLA RAI POSSONO ESSERE TRASFERITE SOLO ALLO STATO O AD ALTRI ENTI PUBBLICI,PREVIA AUTORIZZAZIONE DEL MINISTRO PER LE POSTE E LE TELECOMUNICAZIONI, DI CONCERTO CON IL MINISTRO PER IL TESORO,SENTITA LA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER L'INDIRIZZO GENERALE E LA VIGILANZA DEI SERVIZI RADIOTELEVISIVI.

  LA PREDETTA LIMITAZIONE ALLA NEGOZIABILIT└ DELLE AZIONI DOVR└ ESSERE ANNOTATA SUI RELATIVI TITOLI.

  LA SOCIET└ CONCESSIONARIA RICONOSCE CHE IL SUO CAPITALE SOCIALE VA OPPORTUNAMENTE CORRELATO ALLO SVILUPPO DEGLI IMPIANTI E IN CONNESSIONE ALL'IMPORTANZA DEI SERVIZI CONCESSI.

ART.5. SEDE SOCIALE

  LA RAI DOVR└ AVERE LA SEDE SOCIALE E LA DIREZIONE GENERALE IN ROMA.

  ENTRO 6 MESI DALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DELLA PRESENTE CONVENZIONE,LA RAI PRESENTER└ AL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI L'ELENCO DELLE SEDI,DEI CENTRI DI PRODUZIONE E DEGLI UFFICI ESISTENTI IN ITALIA E ALL'ESTERO.

  LE VARIAZIONI ALL'ELENCO DI CUI AL PRECEDENTE COMMA SARANNO DEL PARI PRESENTATE AL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI.

ART.6. STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELLA SOCIET└ CONCESSIONARIA

  LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E PRODUTTIVA CENTRALE E PERIFERICA DELLA RAI DOVR└ CONFORMARSI ALLE PRESCRIZIONI DELLA LEGGE 14 APRILE 1975,N.103 .

  IN PARTICOLARE,LA SOCIET└ CONCESSIONARIA ╚ OBBLIGATA AD ORGANIZZARSI IN MODI IDONEI PER:

  ASSICURARE L'OSSERVANZA DEI PRINCIPI FONDAMENTALI SANCITI DALL'ART.1 DELLA LEGGE CITATA;

  GARANTIRE LA PRIORIT└ DELL'ATTIVIT└ DI PRODUZIONE DEI SETTORI DEI PROGRAMMI E DELL'INFORMAZIONE,ANCHE CON UN EQUILIBRATO SVILUPPO DELLE CAPACIT└ PRODUTTIVE AZIENDALI;

  FAVORIRE UNO SVILUPPO DEL SERVIZIO CHE RISPETTI LA IMPORTANZA E LA MOLTEPLICIT└ DELLE OPINIONI,ANCHE ATTRAVERSO UN DECENTRAMENTO IDEATIVO E PRODUTTIVO DELLA AZIENDA E STABILENDO UN EFFICACE RAPPORTO CON LA REALT└ DEL PAESE E IN PARTICOLARE CON LE ORGANIZZAZIONI PI┘ RAPPRESENTATIVE DEI LAVORI,DIPENDENTI E AUTONOMI,DELLA COOPERAZIONE E CON LE FORZE DELLA CULTURA;

  GARANTIRE CHE I GIORNALISTI PREPOSTI AI SERVIZI DI INFORMAZIONE SIANO TENUTI ALL'IMPARZIALIT└ E CHE I GIORNALISTI, GLI AUTORI ED I REALIZZATORI DEI PROGRAMMI RADIOTELEVISIVI SIANO POSTI IN GRADO DI ADEMPIERE AL LORO DOVERE NEL RISPETTO DEI PRINCIPI DELLA PROFESSIONALIT└.

ART.7. PREVENTIVO DELLE ENTRATE,BILANCIO CONSUNTIVO E CONTROLLO

  AI SENSI DELLA LEGGE 14 APRILE 1975,N.103 ,E DEI REGOLAMENTI APPLICATIVI LA COMMISSIONE PARLAMENTARE INDICA I CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DEI PIANI ANNUALI E PLURIENNALI DI SPESA E DI INVESTIMENTO DELLA SOCIET└ CONCESSIONARIA.

  IL PREVENTIVO ANNUO GLOBALE DELLE ENTRATE DELLA SOCIET└ CONCESSIONARIA DOVR└ ESSERE APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ENTRO IL MESE DI OTTOBRE DELL'ANNO PRECEDENTE A QUELLO CUI SI RIFERISCE E DEVE ESSERE COMUNICATO AL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI E A QUELLO DEL TESORO ENTRO IL MESE SUCCESSIVO.

  IL BILANCIO CONSUNTIVO E IL RELATIVO CONTO DEI PROFITTI E DELLE PERDITE DOVRANNO ESSERE COMUNICATI AI PREDETTI MINISTERI ENTRO IL MESE SUCCESSIVO A QUELLO DELLA LORO APPROVAZIONE DA PARTE DELL'ASSEMBLEA DEI SOCI.

  I MINISTERI SOPRAINDICATI SI RISERVANO LA FACOLT└ DI CHIEDERE I CHIARIMENTI NECESSARI E DI ESEGUIRE LE VERIFICAZIONI OPPORTUNE IN ORDINE A QUANTO PREVISTO DAGLI ARTICOLI 3 E 4 DEL DECRETO LEGISLATIVO DEL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO 3 APRILE 1947,N.428, NONCH╔ SULL'ANDAMENTO DELLA GESTIONE IN RAPPORTO AGLI OBBLIGHI DERIVANTI DALLA LEGGE E DALLA PRESENTE CONVENZIONE.

  LA SOCIET└ CONCESSIONARIA DOVR└,ALTRES╠,TENERE A DISPOSIZIONE DEI MINISTERI SUDDETTI COPIA DELL'INVENTARIO DEGLI IMPIANTI E DELLE SCRITTURE CONTABILI OBBLIGATORIE AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI ACCERTAMENTO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI.

ART.8. CONGRUIT└ DELLE ENTRATE

  I CANONI DI ABBONAMENTO,CHE,AI SENSI DELL' ART.15 DELLA LEGGE 14 APRILE 1975,N.103 ,COPRONO CON I PROVENTI DERIVANTI DALLA PUBBLICIT└ RADIOFONICA E TELEVISIVA E CON LE ALTRE ENTRATE CONSENTITE DALLA LEGGE IL FABBISOGNO FINANZIARIO DELLA SOCIET└ CONCESSIONARIA,DEBBONO ESSERE ADEGUATI ALLE ESIGENZE DI UNA EFFICENTE ED ECONOMICA GESTIONE DEI SERVIZI RADIOTELEVISIVI.

  A TAL FINE,OGNI DUE ANNI,IL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI DI CONCERTO CON IL MINISTERO DEL TESORO E SENTITA LA COMMISSIONE PARLAMENTARE,VERIFICHER└ LA CONGRUIT└ DEI CANONI PREDETTI.

  LA RAI POTR└ ALTRES╠ RICHIEDERE CHE VERIFICHE DI CONGRUIT└ SIANO EFFETTUATE IN ANTICIPO RISPETTO A TALI TERMINI.

  IL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI,OVE DAI RISULTATI DELLA VERIFICA NE EMERGA LA NECESSIT└, PROPORR└ GLI OPPORTUNI PROVVEDIMENTI.

ART.9.

  ESERCIZIO DEL SERVIZIO RADIOTELEVISIVO MEDIANTE GLI IMPIANTI ESISTENTI

  IL SERVIZIO RADIOTELEVISIVO OGGETTO DELLA PRESENTE CONVENZIONE CONTINUA AD ESSERE ESERCITATO,SALVO QUANTO DISPOSTO NEI SUCCESSIVI ARTICOLI,CON GLI IMPIANTI ESISTENTI, MEDIANTE:

a) TRE RETI RADIOFONICHE A MODULAZIONE D'AMPIEZZA E TRE A MODULAZIONE DI FREQUENZA PER LA DIFFUSIONE CIRCOLARE,VIA ETERE,DI TRE PROGRAMMI CIASCUNO DEI QUALI TRASMESSO SIA A MODULAZIONE DI AMPIEZZA CHE DI FREQUENZA;

b) CINQUE CANALI PER LA FILODIFFUSIONE RADIOFONICA,TRE DEI QUALI DESTINATI ALLA SIMULTANEA TRASMISSIONE DEI PROGRAMMI RADIOFONICI DI CUI ALLA PRECEDENTE LETTERA E DUE ALLA TRASMISSIONE DI ALTRI PROGRAMMI.

  LA RAI HA FACOLT└ DI UTILIZZARE UN SESTO CANALE DI FILODIFFUSIONE PER CONSENTIRE L'ASCOLTO STEREOFONICO DI PROGRAMMI DIFFUSI DAGLI ALTRI CANALI;

  C)DUE RETI TELEVISIVE PER LA DIFFUSIONE CIRCOLARE VIA ETERE DI ALTRETTANTI PROGRAMMI.

  LA CONSISTENZA DEGLI IMPIANTI ALLA DATA DI STIPULA DELLA PRESENTE CONVENZIONE RISULTA DALL'ALLEGATO A.

  LA DURATA DI DIFFUSIONE DEI PROGRAMMI NON POTR└ ESSERE INFERIORE A:

  32 ORE GIORNALIERE COMPLESSIVE MEDIANTE LE RETI DI CUI ALLA LETTERA A);

  16 ORE GIORNALIERE COMPLESSIVE PER I DUE CANALI DELLA FILODIFFUSIONE DESTINATI,AI SENSI DELLA LETTERA B),ALLA TRASMISSIONE DI PROGRAMMI DIVERSI E AUTONOMI DA QUELLI RADIOFONICI VIA ETERE;

  6 ORE GIORNALIERE COMPLESSIVE MEDIANTE LE RETI DI CUI ALLA LETTERA C)PER IL PERIODO ESTIVO E 8 ORE GIORNALIERE COMPLESSIVE PER I RIMANENTI PERIODI DELL'ANNO.

  LA DURATA DELLE TRASMISSIONI SAR└ CALCOLATA TENENDO CONTO DI TUTTI I PROGRAMMI RADIOTELEVISIVI EFFETTUATI,QUALUNQUE NE SIA LA NATURA,IL CONTENUTO,LA PROVENIENZA E,LIMITATAMENTE AI PROGRAMMI RADIOFONICI,L'AMBITO DELLA DIFFUSIONE.

  LA PERCENTUALE MASSIMA DEI MESSAGGI PUBBLICITARI RADIOFONICI E TELEVISIVI DEL 5%,DI CUI ALL' ART.21 DELLA LEGGE 14 APRILE 1975,N.103 ,VA RIFERITA RISPETTIVAMENTE ALL'AMMONTARE ANNUALE EFFETTIVO DELLE ORE DI TRASMISSIONE DEI PROGRAMMI RADIOFONICI E TELEVISIVI.

ART.10. REALIZZAZIONE DI IMPIANTI GI└ APPROVATI

  ENTRO IL PRIMO BIENNIO DALL'ENTRATA IN VIGORE DELLA PRESENTE CONVENZIONE LA RAI PROCEDER└ ALLA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIOFONICI E TELEVISIVI GI└ APPROVATI DAL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI E SPECIFICATI NELL'ALLEGATO B.

ART.11. POTENZIAMENTO E SVILUPPO DELLE RETI,DEGLI IMPIANTI E DEI SERVIZI

  LA RAI S'IMPEGNA,IN CONFORMIT└ ALLE DISPOSIZIONI DI CUI ALL' ART.14 DELLA LEGGE 14 APRILE 1975,N.103 , A:

  1)RISTRUTTURARE LE RETI E GLI IMPIANTI RADIOFONICI E TELEVISIVI AL FINE DI ADEGUARLI ALL'EVOLUZIONE TECNOLOGICA;

  2)PROSEGUIRE L'ESTENSIONE DELLE RETI RADIOFONICHE E TELEVISIVE PER ASSICURARE, POSSIBILMENTE,LA RICEZIONE DI TUTTI I SUOI PROGRAMMI ALL'INTERO TERRITORIO NAZIONALE RICORRENDO A QUALSIASI MEZZO TECNICO;

  3) INTRODURRE SU SCALA NAZIONALE,PREVIO PARERE DEL C.I.P.E. ,LE TRASMISSIONI TELEVISIVE A COLORI;

  4)COSTRUIRE UNA TERZA RETE TELEVISIVA;

  5)REALIZZARE GRADUALMENTE ALTRI IMPIANTI RADIOFONICI E TELEVISIVI SINO ALL'ESAURIMENTO DELLE DISPONIBILIT└ CONSENTITE DALLE FREQUENZE ASSEGNATE ALL'ITALIA DAGLI ACCORDI INTERNAZIONALI PER I SERVIZI DI RADIODIFFUSIONE;

  6)REALIZZARE UNA O PI┘ RETI SPERIMENTALI PLURICANALI PER LA DIFFUSIONE DI PROGRAMMI TELEVISIVI VIA CAVO AL FINE DI ACQUISIRE ELEMENTI UTILI PER LA PROGRAMMAZIONE DEL SERVIZIO SU SCALA NAZIONALE;

  7)SPERIMENTARE LE PI┘ AVANZATE TECNICHE IN MATERIA DI TRASMISSIONI RADIOFONICHE E TELEVISIVE AL FINE DI PERSEGUIRE IL COSTANTE MIGLIORAMENTO DEL SERVIZIO.

ART.12. ATTRIBUZIONE DI CANALI PER I SERVIZI RADIOFONICI E TELEVISIVI

  LE BANDE DI FREQUENZA CHE LA SOCIET└ CONCESSIONARIA POTR└ UTILIZZARE PER DIFFONDERE VIA ETERE I PROPRI PROGRAMMI,SONO QUELLE ATTRIBUITE PER LA REGIONE 1 AI SERVIZI DI RADIODIFFUSIONE DAL REGOLAMENTO INTERNAZIONALE DELLE RADIOCOMUNICAZIONI-GINEVRA 1971,E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI.

  IL MINISTRO PER LE POSTE E LE TELECOMUNICAZIONI CON PROPRIO DECRETO,OLTRE I CANALI PREVISTI DAL DECRETO MINISTERIALE 16 OTTOBRE 1972 PER LO SVILUPPO DELLA PRIMA E DELLA SECONDA RETE TV,DETERMINA,PREVIO PARERE DEL CONSIGLIO SUPERIORE TECNICO DELLE TELECOMUNICAZIONI,I CANALI DESTINATI AL SERVIZIO DI RADIODIFFUSIONE SONORA E TELEVISIVA.

  LA SOCIET└ CONCESSIONARIA PRESENTER└ AL MINISTERO PER LE POSTE E LE TELECOMUNICAZIONI,NON OLTRE IL 30 GIUGNO 1977,UN PROGETTO DI UTILIZZAZIONE DEI CANALI DI CUI AL PRECEDENTE COMMA,AL FINE DI ESTENDERE AD ALMENO IL 90% DELLA POPOLAZIONE ITALIANA IL SERVIZIO DI:

  RADIODIFFUSIONE A MODULAZIONE DI AMPIEZZA MEDIANTE TRE RETI;

  RADIODIFFUSIONE A MODULAZIONE DI FREQUENZA MEDIANTE QUATTRO RETI IDONEE ALLA TRASMISSIONE STEREOFONICA;

  TELEVISIONE MEDIANTE UNA RETE TV IN BANDA I E III;

  TELEVISIONE MEDIANTE RETI TV IN BANDA IV E V.

  LA SOCIET└ CONCESSIONARIA SI IMPEGNA ALTRES╠ AD INCLUDERE IN DETTO PROGETTO IL PI┘ ALTO NUMERO POSSIBILE DI ULTERIORI IMPIANTI,TENENDO CONTO DELL'ACCORDO DI STOCCOLMA DEL 1961 RELATIVO ALLE ONDE METRICHE E DECIMETRICHE.

  IL MINISTRO PER LE POSTE E LE TELECOMUNICAZIONI,SENTITO IL CONSIGLIO SUPERIORE TECNICO,APPROVA IL PROGETTO.

  PER L'ASSEGNAZIONE IN VIA DEFINITIVA DELLE FREQUENZE DI FUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI,IL MINISTRO PROVVEDE IN SEDE DI APPROVAZIONE DEI PIANI TECNICI PARTICOLARI.

ART.13. RISTRUTTURAZIONE DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI

  LA RAI SI IMPEGNA A DARE INIZIO,NON OLTRE L'1 GENNAIO 1977,ALLA RISTRUTTURAZIONE DI CUI AL PUNTO 1)DEL PRECEDENTE ART.11 ED IN PARTICOLARE:

a) ALLA RISTRUTTURAZIONE DELLE RETI RADIOFONICHE A M.A.(MODULAZIONE DI AMPIEZZA).ALLO SCOPO DI TENERE CONTO ANCHE DI ACCORDI INTERNAZIONALI IN CORSO DI PERFEZIONAMENTO IL RELATIVO PIANO SAR└ PRESENTATO ENTRO E NON OLTRE IL 30 GIUGNO 1976;

b) ALLA RISTRUTTURAZIONE DELLA RETE DEI COLLEGAMENTI E DEI RELATIVI IMPIANTI PER ADEGUARLI ALLE SEMPRE CRESCENTI ESIGENZE DI SICUREZZA DI ESERCIZIO E DI AUTOMATIZZAZIONE NONCH╔ ALLE ESIGENZE CONNESSE CON L'INTRODUZIONE DEI NUOVI SERVIZI.LE OPERE RELATIVE SARANNO ULTIMATE ENTRO IL 31 DICEMBRE 1980;

c) ALLA RISTRUTTURAZIONE DELLE RETI RADIOFONICHE A M.F. (MODULAZIONE DI FREQUENZA),ALLO SCOPO DI RENDERE POSSIBILE SU UNA DI ESSE LA TRASMISSIONE DI PROGRAMMI STEREOFONICI,SECONDO LE NORME CHE SARANNO STABILITE DAL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI,E SU UNA ALTRA ANCHE LA TRASMISSIONE DI PROGRAMMI IN AMBITO REGIONALE.LE OPERE RELATIVE SARANNO ULTIMATE ENTRO IL 31 DICEMBRE 1980.

  LA RAI SI IMPEGNA ALTRES╠ A SOTTOPORRE AL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI,NON OLTRE IL 31 DICEMBRE 1977,UN PIANO PER LA SOSTITUZIONE DEL CANALE DI TRASMISSIONE _C_ ATTUALMENTE UTILIZZATO DAGLI IMPIANTI TRASMITTENTI DELLA PRIMA RETE NAZIONALE E TELEVISIVA.

ART.14. PROSECUZIONE DELL'ESTENSIONE DELLE RETI

  LA RAI INIZIER└ NON OLTRE L'1 GENNAIO 1977 L'ESTENSIONE DELLE DUE RETI TELEVISIVE ESISTENTI,FINO A SERVIRE TUTTI I CENTRI ABITATI CON POPOLAZIONE NON INFERIORE A 1.000 ABITANTI.

  NELLA FASE REALIZZATIVA SAR└ DATA PRIORIT└ ALLE OPERE NECESSARIE PER ESTENDERE LA RICEZIONE DELLA SECONDA RETE TV AD UN'AREA PARI A QUELLA SERVITA DALLA PRIMA RETE.

  LA RAI POTR└,OGNI QUALVOLTA LO RITERR└ OPPORTUNO, STIPULARE CONVENZIONI CON I COMUNI,LE PROVINCE,LE COMUNIT└ MONTANE O APPOSITI CONSORZI DEGLI ENTI LOCALI,CHE PREVEDANO EVENTUALI APPORTI DI BENI,DIRITTI E SERVIZI.

ART.15. FILODIFFUSIONE SONORA

  LA RAI SI IMPEGNA AD INIZIARE NON OLTRE L'1 GENNAIO 1977 E AD ULTIMARE ENTRO IL 31 DICEMBRE 1979 LE OPERE NECESSARIE PER ESTENDERE IL SERVIZIO DI FILODIFFUSIONE SONORA A TUTTE LE CITT└ CON ALMENO 100.000 ABITANTI E/O 15.000 UTENTI TELEFONICI.

  LA RAI UTILIZZER└,PER REALIZZARE TALE PROGRAMMA,LE RETI TELEFONICHE DELLA CONCESSIONARIA DEL SERVIZIO TELEFONICO PUBBLICO PROVVEDENDO A FORNIRE GLI OPPORTUNI ORGANI DI MODULAZIONE ED AMPLIFICAZIONE.

  IL MINISTRO PER LE POSTE E LE TELECOMUNICAZIONI STABILIR└ CON PROPRIO DECRETO LE NORME SULLA RISCOSSIONE DEL CANONE DI ABBONAMENTO DOVUTO ALLA RAI PER IL SERVIZIO DI FILODIFFUSIONE,NONCH╔ IL RIPARTO DEI RELATIVI PROVENTI TRA LA RAI E LA CONCESSIONARIA DEL SERVIZIO PUBBLICO TELEFONICO,TENENDO CONTO DEI COSTI RISPETTIVAMENTE SOSTENUTI.

ART.16. INTRODUZIONE DELLE TRASMISSIONI TELEVISIVE A COLORI

  LA RAI SI IMPEGNA AD EFFETTUARE TRASMISSIONI A COLORI CONTESTUALMENTE SULLE DUE RETI ESISTENTI,ADOTTANDO IL SISTEMA DENOMINATO PHASE ALTERNATION LINE (PAL) A PARTIRE DA UN ANNO DALLA STIPULAZIONE DELLA PRESENTE CONVENZIONE.

  A DECORRERE DAL PERIODO PREDETTO,LA DATA DI EFFETTIVO INIZIO DI REGOLARI PROGRAMMI A COLORI,PER NON OLTRE 15 ORE SETTIMANALI COMPLESSIVE,SAR└ FISSATA DAL MINISTRO PER LE POSTE E LE TELECOMUNICAZIONI SENTITI I PARERI DEL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA.

  NEL PERIODO INIZIALE IL RISPETTO DELLE NORME TECNICHE STABILITE DAL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI DOVR└ ESSERE GARANTITO NELLE AREE DI SERVIZIO DEGLI IMPIANTI TRASMITTENTI CHE LA RAI DOVR└ INDICARE ENTRO 60 GIORNI DALL'ENTRATA IN VIGORE DELLA PRESENTE CONVENZIONE.

  NEI TERMINI CHE VERRANNO STABILITI DAL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI LE SUCCITATE NORME DOVRANNO ESSERE RISPETTATE NELLE AREE DI SERVIZIO DI TUTTI GLI IMPIANTI TRASMITTENTI DELLE DUE RETI TELEVISIVE.

  DURANTE LO STESSO PERIODO LE ORE COMPLESSIVE DI PROGRAMMAZIONE A COLORI SARANNO CONTENUTE NELLA MEDIA DI 15 ORE SETTIMANALI DI TRASMISSIONE.

ART.17. COSTRUZIONE DELLA TERZA RETE TELEVISIVA

  LA RAI INIZIER└ NON OLTRE L'1 GENNAIO 1978 LA REALIZZAZIONE DI UNA TERZA RETE TELEVISIVA A CARATTERE NAZIONALE,IDONEA ANCHE AD UNA SEPARATA E CONTEMPORANEA UTILIZZAZIONE PER DIFFUSIONI IN AMBITO REGIONALE.

  ENTRO TRE ANNI DALL'INIZIO DEI LAVORI TALE RETE DOVR└ ESSERE ESTESA FINO A SERVIRE TUTTI I CAPOLUOGHI DI REGIONE E NON MENO DEL 55% DELLA POPOLAZIONE NAZIONALE.

ART.18. REALIZZAZIONE DI ULTERIORI IMPIANTI

  I PIANI PARTICOLAREGGIATI PER LA REALIZZAZIONE DI ALTRI IMPIANTI RADIOFONICI E TELEVISIVI,AI SENSI DELL' ART.14 DELLA LEGGE 14 APRILE 1975, N.103 ,SARANNO PRESENTATI AL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI NON OLTRE IL 31 DICEMBRE 1978.

  IN TALI PIANI DOVR└ ESSERE RISPETTATA,PER QUANTO POSSIBILE,L'ESIGENZA DI ORGANIZZARE GLI IMPIANTI DI CUI AL PRIMO COMMA IN RETI AD ESTENSIONE O A CARATTERE NAZIONALE.

ART.19. RETI SPERIMENTALI DI DISTRIBUZIONE TELEVISIVA IN CAVO

  NON OLTRE IL 30 GIUGNO 1979 LA RAI DOVR└ REALIZZARE TRE RETI SPERIMENTALI A MILANO,A ROMA ED A NAPOLI,FRA DI LORO INTERCONNESSE,PER LA DISTRIBUZIONE IN CAVO DI PROGRAMMI TELEVISIVI, INTERESSANTI RISPETTIVAMENTE UN'AREA DI CUI RISIEDANO CIRCA 20.000 ABITANTI.

  GLI ESPERIMENTI VERRANNO CONDOTTI UTILIZZANDO,PER QUANTO POSSIBILE,LE RETI DI DISTRIBUZIONE URBANA,FINO ALLA PRESA DI UTENTE,PREDISPOSTE DALLA CONCESSIONARIA DEL SERVIZIO TELEFONICO AD USO PUBBLICO.

  LA RAI DOVR└ PROVVEDERE ALLA REALIZZAZIONE DELLE STAZIONI DI TESTA DELLE DUE RETI ED ALLA LORO INTERCONNESSIONE, UTILIZZANDO,OVE NE RICORRANO I PRESUPPOSTI,LE RETI INTERURBANE DI TELECOMUNICAZIONI DISPONIBILI A NORMA DEL SUCCESSIVO ART.21 .

  TALI ESPERIMENTI DOVRANNO ESSERE EFFETTUATI CON L'OSSERVANZA DELLE PRESCRIZIONI STABILITE DAL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI O DEI FUTURI PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI PER LA DISCIPLINA DELLA TELEVISIONE VIA CAVO PLURICANALE.

  SU TALI RETI,OLTRE AI PROGRAMMI REGOLARMENTE IRRADIATI VIA ETERE,LA RAI DISTRIBUIR└ UN ULTERIORE PROGRAMMA.

  AL TERMINE DELL'ESPERIMENTO,LA CUI DURATA ╚ PREVISTA IN DODICI MESI, LA RAI PRESENTER└ AL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEI RISULTATI RAGGIUNTI, CORREDATA DALLA NECESSARIA DOCUMENTAZIONE TECNICA.IL MINISTRO,SULLA BASE DELLE RISULTANZE DELL'ESPERIMENTO,AUTORIZZA,SENTITO IL CONSIGLIO SUPERIORE TECNICO E LA COMMISSIONE PARLAMENTARE,IL PASSAGGIO ALLA FASE DI ELABORAZIONE DEI PROGRAMMI PER L'INTRODUZIONE DEL SERVIZIO SU SCALA NAZIONALE.

ART.20. PRESTAZIONI AGGIUNTIVE

  LE PRESTAZIONI AGGIUNTIVE DI CUI ALL' ART.19,LETTERA B) E C),DELLA LEGGE 14 APRILE 1975,N.103 E LE RELATIVE CONDIZIONI E MODALIT└ SARANNO REGOLATE CON LE SPECIALI CONVENZIONI PREVISTE DALL'ART.20 DELLA STESSA LEGGE,DA STIPULARE CON LE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO DIRETTAMENTE INTERESSATE CON L'INTERVENTO DEI MINISTERI DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI E DEL TESORO.

ART.21. REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI

  LA RAI HA L'OBBLIGO DI REALIZZARE GLI IMPIANTI NECESSARI ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI IN CONCESSIONE A PERFETTA REGOLA D'ARTE,ADOTTANDO OGNI PERFEZIONAMENTO CONSENTITO DAL PROGRESSO TECNOLOGICO.

  QUALORA RAGIONI DI INDOLE TECNICA ED ECONOMICA LO CONSIGLINO,ALLO SCOPO DI EVITARE ANTIECONOMICHE DUPLICAZIONI DI IMPIANTI,LA RAI POTR└ UTILIZZARE GLI ESISTENTI MEZZI TRASMISSIVI DEL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI E DEI CONCESSIONARI DI SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI AD USO PUBBLICO,SEMPRECH╚ TECNICAMENTE RISPONDENTI O FACILMENTE ADATTABILI ALLE ESIGENZE DEL SERVIZIO DI CUI ALLA PRESENTE CONVENZIONE.

  LE MODALIT└ DI USO DOVRANNO ESSERE CONFORMI AI PIANI TECNICI APPROVATI DAL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI E PREDISPOSTI DALLA RAI D'INTESA CON LE SOCIET└ CONCESSIONARIE INTERESSATE.

  I RELATIVI CANONI SARANNO STABILITI DAL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI, TENUTO PRESENTE IL COSTO DEI CIRCUITI STESSI.

ART.22. EFFICIENZA DEGLI IMPIANTI

  LA RAI SI OBBLIGA A MANTENERE COSTANTEMENTE TUTTI GLI IMPIANTI IN PERFETTO STATO DI FUNZIONAMENTO,ESEGUENDO TEMPESTIVAMENTE LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA COMPRESO IL NORMALE PROCESSO DI RINNOVO DEGLI IMPIANTI.

  LA RAI ╚ TENUTA A TRASMETTERE ALL'AMMINISTRAZIONE DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA AI RINNOVI.

ART.23. PRESENTAZIONE DEI PIANI

  LA DETERMINAZIONE DELL'INDIRIZZO GENERALE DEI SERVIZI CHE FORMANO OGGETTO DELLA PRESENTE CONVENZIONE E LA VIGILANZA SU DI ESSI SPETTANO ALLA COMPETENTE COMMISSIONE PARLAMENTARE.LA COMMISSIONE PARLAMENTARE,NEL PROCEDERE ALLA DETERMINAZIONE DEI CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DEI PIANI ANNUALI E PLURIENNALI DI SPESA E DI INVESTIMENTO,POTR└ IN PARTICOLARE STABILIRE,ANCHE IN DEROGA AI TERMINI INDICATI NEGLI ARTICOLI DA 10 A 19 DELLA PRESENTE CONVENZIONE,L'ORDINE DI PRIORIT└ DELLE REALIZZAZIONI PREVISTE NEGLI ARTICOLI STESSI.

  LA RAI ╚ TENUTA A SOTTOPORRE ALL'APPROVAZIONE DEL MINISTRO PER LE POSTE E LE TELECOMUNICAZIONI I SEGUENTI TIPI DI PIANI TECNICO-FINANZIARI:

a)  I PIANI DI MASSIMA CONCERNENTI L'INSIEME DELLE REALIZZAZIONI RELATIVE AD UN TRIENNIO NEL CAMPO DEGLI IMPIANTI DI DIFFUSIONE E COLLEGAMENTO.ESSI TRA L'ALTRO INDICANO SETTORE PER SETTORE,GLI INDIRIZZI GENERALI E GLI OBIETTIVI CHE SI INTENDONO PERSEGUIRE,CON LE REALIZZAZIONI PREVISTE.

  ESSI INOLTRE COMPRENDONO:

  LE CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEGLI IMPIANTI;

  PREVISIONI DELLA SOCIET└ SULL'ANDAMENTO DELL'UTENZA E DEI SERVIZI OGGETTO DELLA PRESENTE CONVENZIONE;

  PROGRAMMA DI SVILUPPO DEGLI IMPIANTI, ELABORATO IN RAPPORTO AI CRITERI GENERALI DI SPESA E DI INVESTIMENTO INDICATI DALLA COMMISSIONE PARLAMENTARE E AL PROGRAMMA GENERALE DI SVILUPPO DEI SERVIZI RADIOELETTRICI PREDISPOSTO DAL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI;

  INVESTIMENTI OCCORRENTI, SECONDO PREVISIONI DI LARGA MASSIMA,PER L'ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA AI COSTI CORRENTI AL MOMENTO DELLA PRESENTAZIONE E INDICAZIONI SULLE EFFETTIVE DISPONIBILIT└ ECONOMICHE DELLA SOCIET└;

  B)I PIANI PARTICOLARI CONCERNENTI LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI E RETI SINGOLE PREVISTI NEI PIANI DI MASSIMA.ESSI,TRA L'ALTRO,INDICANO I DATI,LE CARATTERISTICHE E LE PROCEDURE DI PROGETTO E DI REALIZZAZIONE,LA DESTINAZIONE DELLE OPERE,LA UBICAZIONE E LE FREQUENZE DI FUNZIONAMENTO RICHIESTE E I COSTI PREVENTIVATI.NEL CASO DELLA ATTIVIT└ DI RICERCA E SPERIMENTAZIONE ESSI CONTERRANNO I DETTAGLI E LE FINALIT└ DEI SINGOLI STUDI.

  ENTRO IL MESE DI SETTEMBRE DI CIASCUN ANNO LA RAI PRESENTA AL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI,CON ADEGUATA DOCUMENTAZIONE,IL PIANO DI MASSIMA PER IL SUCCESSIVO TRIENNIO.

  LE INDICAZIONI DEL PIANO DI MASSIMA SARANNO ELABORATE IN FORMA PI┘ PARTICOLAREGGIATA PER IL PRIMO ANNO DI VALIDIT└ DEL MEDESIMO.

  ENTRO NOVANTA GIORNI DALLA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI MASSIMA,IL MINISTRO,SENTITO IL CONSIGLIO SUPERIORE TECNICO DELLE TELECOMUNICAZIONI E IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI,PROCEDE ALLA SUA APPROVAZIONE OPPURE FORMULA LE PROPRIE OSSERVAZIONI.

  IL TERMINE SUDDETTO ╚ PROROGATO DI GIORNI TRENTA,QUANDO L'AMMINISTRAZIONE RICHIEDA ALTRI ELEMENTI ENTRO SESSANTA GIORNI DALLA PRESENTAZIONE.

  I LAVORI NECESSARI PER DARE ESECUZIONE AI PIANI DI MASSIMA SARANNO DI VOLTA IN VOLTA AUTORIZZATI SECONDO I PIANI PARTICOLARI CHE LA RAI ╚ TENUTA A PRESENTARE CON UN CONGRUO ANTICIPO SULLA PREVISTA DATA DI INIZIO DELLA REALIZZAZIONE.

  IL MINISTRO PER LE POSTE E LE TELECOMUNICAZIONI APPROVA,ENTRO SESSANTA GIORNI DALLA PRESENTAZIONE,IL PIANO PARTICOLARE.IL TERMINE ╚ PROROGATO DI GIORNI SESSANTA QUALORA L'AMMINISTRAZIONE RICHIEDA INTEGRAZIONI E MODIFICHE.

  LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PREVISTE DAI PIANI DI CUI AGLI ARTICOLI DA 10 A 19 DELLA PRESENTE CONVENZIONE ╚ SUBORDINATA ALLE EFFETTIVE DISPONIBILIT└ FINANZIARIE DELLA RAI IN RELAZIONE ANCHE A TUTTI GLI ALTRI ONERI GRAVANTI SULLA GESTIONE AZIENDALE;TALI DISPONIBILIT└ POTRANNO PERALTRO CONSEGUIRSI ANCHE CON LE ENTRATE CHE ALLA RAI EVENTUALMENTE CONCEDA CON LA LEGGE LO STATO,AI SENSI DELL' ART.14 DELLA LEGGE 14 APRILE 1975, N.103 .

  LA RAI INFORMA DI VOLTA IN VOLTA IL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI DELL'AVVENUTA ATTIVAZIONE DEGLI IMPIANTI.

  LA RAI,INOLTRE,╚ TENUTA A FORNIRE TUTTA LA DOCUMENTAZIONE TECNICA CHE IL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI RICHIEDA.

ART.24. ATTIVIT└ DI RICERCA

  AL FINE DI PERSEGUIRE IL MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI,LA RAI ╚ TENUTA A SVOLGERE RICERCHE E SPERIMENTAZIONI SULLE PI┘ AVANZATE TECNICHE IN MATERIA DI RADIO E TELEDIFFUSIONE E DI SFRUTTAMENTO DELLE RIDONDANZE DEI SEGNALI, SECONDO PROGRAMMI DI MASSIMA E PIANI PARTICOLARI SOTTOPOSTI AL MINISTRO PER LE POSTE E LE TELECOMUNICAZIONI CHE LI APPROVA SENTITO IL CONSIGLIO SUPERIORE TECNICO DELLE TELECOMUNICAZIONI.

  IL MINISTERO SI RISERVA DI COORDINARE LE SPERIMENTAZIONI PROMOSSE DALLA RAI CON ANALOGHE E AFFINI RICERCHE CONDOTTE DALLO STESSO MINISTERO E DA ALTRI GESTORI DEI SERVIZI PUBBLICI DI TELECOMUNICAZIONI.

  LA RAI INFORMA PERIODICAMENTE IL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI DEI RISULTATI CONSEGUITI NELLA SPERIMENTAZIONE DELLE NUOVE TECNICHE E NELL'ATTIVIT└ DI RICERCA.

ART.25. CONTROLLO DELLA RICEZIONE RADIOFONICA E TELEVISIVA

  LA RAI PROVVEDER└,CON OGNI OPPORTUNO MEZZO DI RICOGNIZIONE E DI INDAGINE, A TENERE COSTANTEMENTE AGGIORNATA LA CONOSCENZA:

  DELLE CARATTERISTICHE DEI SISTEMI PER LA RICEZIONE RADIOFONICA E TELEVISIVA;

  DELLE CONDIZIONI DI RICEZIONE DI QUALSIASI PROGRAMMA RADIOFONICO E TELEVISIVO IN QUALUNQUE PUNTO DEL TERRITORIO NAZIONALE;

  DELLA OCCUPAZIONE,NELLE VARIE LOCALIT└,DELLE FREQUENZE COMPRESE NELLE BANDE ATTRIBUITE ALLA RADIODIFFUSIONE;

  DEGLI ELEMENTI CHE LOCALMENTE DEGRADANO LA QUALIT└ DELLA RICEZIONE;

  DELLA CONSISTENZA E DELLA LOCALIZZAZIONE DELLE UTENZE.

  LA RAI PRESENTA AL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI UNA RELAZIONE ANNUALE SUI DATI ACQUISITI.

  AI DIRETTORI DEI CIRCOLI DELLE COSTRUZIONI TELEGRAFICHE E TELEFONICHE, COMPETENTI AI SENSI DELL'ART.240 DEL CODICE POSTALE E DELLE TELECOMUNICAZIONI,LA RAI DOVR└ DARE TEMPESTIVA NOTIZIA DI OGNI ELEMENTO SUSCETTIBILE DI PROVOCARE TURBATIVA AL SERVIZIO E DOVR└ FORNIRE LA COLLABORAZIONE TECNICA PER LA SUA ELIMINAZIONE.

ART.26. CONTROLLI E COLLAUDI

  LA SOCIET└ CONCESSIONARIA ╚ TENUTA A CONSENTIRE L'ACCESSO ALLE PROPRIE SEDI E AI PROPRI IMPIANTI AL PERSONALE DEL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI INCARICATO DEI CONTROLLI O DEL COLLAUDO DEI NUOVI IMPIANTI DA EFFETTUARE A NORMA DEGLI ARTICOLI 193 E 200 DEL CODICE POSTALE E DELLE TELECOMUNICAZIONI.

ART.27. ATTREZZATURE TECNICHE ACCESSORIE

  I MEZZI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO SARANNO DOTATI DELLE NECESSARIE ATTREZZATURE TECNICHE PER LA TRASMISSIONE DI SEGNALI DI CONTROLLO E DI TELECOMANDO E DI TUTTI GLI ALTRI DATI ED INFORMAZIONI OCCORRENTI AL LORO FUNZIONAMENTO,NONCH╔ DI COLLEGAMENTI TELEFONICI DI SERVIZIO.

ART.28. CANONE DI CONCESSIONE

  LA RAI CORRISPONDER└ PER IL 1975 AL MINISTERO DEL TESORO ED ALL'AMMINISTRAZIONE DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI UN CANONE ANNUO RISPETTIVAMENTE DEL 5,60% E DEL 4% DI TUTTI I PROVENTI LORDI DA ESSA REALIZZATI (FANNO,QUINDI, ECCEZIONE GLI INTROITI NON COSTITUENTI PROVENTI QUALI GLI INTERESSI ATTIVI,I CONTRIBUTI PER INTERESSI SUI MUTUI,LE ENTRATE DERIVANTI DA TRASFORMAZIONI PATRIMONIALI E DA ACCENSIONE DI MUTUI,LE SOMME O RIMBORSATE DA AMMINISTRAZIONI DELLO STATO O DA ENTI PUBBLICI QUALE CORRISPETTIVO PER L'AVVENUTA EFFETTUAZIONE DI SERVIZI SPECIALI,GLI SCONTI E GLI ABBUONI CONCESSI DAI FORNITORI SU SPESE GI└ CONTABILIZZATE),CON ESCLUSIONE DELLA QUOTA SUI CANONI ATTRIBUITA ALL'ACCADEMIA DI SANTA CECILIA AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 8 FEBBRAIO 1946,N.56 ,E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI.

  ALL'AMMINISTRAZIONE DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI DOVR└ INOLTRE ESSERE DEVOLUTO,PER L'ANNO 1975, UN ULTERIORE CANONE COMMISURATO AL 2% DEI PROVENTI ANNUI NETTI DELLA PUBBLICIT└ RADIOFONICA.

  A DECORRERE DAL 1976 LA RAI CORRISPONDER└ ALL'AMMINISTRAZIONE DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI UN CANONE ANNUO DEL 4,50% SU TUTTI I PROVENTI LORDI,CALCOLATI CON I CRITERI INDICATI NEL PRIMO COMMA.

  IL VERSAMENTO DEL CANONE DOVR└ ESSERE EFFETTUATO NON OLTRE I TRENTA GIORNI SUCCESSIVI ALL'APPROVAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE.

ART.29. DEPOSITO CAUZIONALE

  A GARANZIA DEGLI OBBLIGHI ASSUNTI CON LA PRESENTE CONVENZIONE LA RAI DEVE EFFETTUARE,ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DELLA CONVENZIONE MEDESIMA,UN DEPOSITO CAUZIONALE DI L.200.000.000,IN NUMERARIO,O IN TITOLI DELLO STATO O EQUIPARATI AL LORO VALORE NOMINALE.TALE DEPOSITO DOVR└ ESSERE ESEGUITO PRESSO LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI.

  QUALORA IL DEPOSITO DOVESSE RISULTARE DIMINUITO IN CONSEGUENZA DI PRELIEVI EFFETTUATI PER QUALSIASI RAGIONE,LA SOCIET└ CONCESSIONARIA DOVR└ REINTEGRARLO ENTRO UN MESE DALLA DATA DELLA NOTIFICAZIONE DEL PRELIEVO.

  GLI INTERESSI DELLA SOMMA DEPOSITATA SONO DI SPETTANZA DELLA SOCIET└ CONCESSIONARIA.

  L'AMMINISTRAZIONE DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI HA LA FACOLT└ DI RIVALERSI DEI PROPRI CREDITI LIQUIDI ED ESIGIBILI VERSO LA SOCIET└ CONCESSIONARIA SUL DEPOSITO CAUZIONALE COSTITUITO AI SENSI DEL PRESENTE ARTICOLO;ANCHE IN TAL CASO LA SOCIET└ CONCESSIONARIA ╚ TENUTA A REINTEGRARE IL DEPOSITO NEI TERMINI SOPRA INDICATI.

ART.30. RISCATTO

  LO STATO SI RISERVA,ALLA SCADENZA DELLA CONVENZIONE,DI ESERCITARE IL DIRITTO DI RISCATTO CON LE MODALIT└ E CONDIZIONI PREVISTE DAGLI ARTICOLI 202 E SEGUENTI DEL CODICE POSTALE E DELLE TELECOMUNICAZIONI.

  LE STESSE NORME SI APPLICANO IN CASO DI ANTICIPATA RISOLUZIONE DEL RAPPORTO E NEI CASI PREVISTI DALLA LEGGE.

ART.31. PENALE E REVOCA

  NEI CASI DI INADEMPIENZA DA PARTE DELLA RAI DEGLI OBBLIGHI DERIVANTI DALLA PRESENTE CONVENZIONE O DALLE ALTRE NORME VIGENTI SI OSSERVANO,IN QUANTO APPLICABILI,LE DISPOSIZIONI DI CUI ALL' ART.17 DEL DECRETO LEGISLATIVO DEL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO 3 APRILE 1947,N.428 .

  IN CASO DI APPLICAZIONE DELLA PENALE PREVISTA NEL PRIMO COMMA DI DETTO ARTICOLO,LA SOCIET└ CONCESSIONARIA ╚ TENUTA ALTRES╠ A VERSARE AL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI UNA SOMMA PARI A NOVE VOLTE L'AMMONTARE DELLA PENALE APPLICATA.

ART.32. ESTENSIONE E DURATA DELLA CONCESSIONE

  LA CONCESSIONE SI ESTENDE A TUTTO IL TERRITORIO DELLA REPUBBLICA ITALIANA.

  ESSA HA LA DURATA DI SEI ANNI A FAR TEMPO DAL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CHE APPROVA E RENDE ESECUTIVA LA PRESENTE CONVENZIONE ED ╚ RINNOVABILE PER UN PERIODO NON SUPERIORE,AI SENSI DELL' ART. 14 DELLA LEGGE 14 APRILE 1975,N.103 .

ART.33. LIQUIDAZIONE DI CREDITI

  PER LE MAGGIORI PRESTAZIONI EFFETTUATE DALLA RAI,AI SENSI DELL' ART.3,LETTERE A),B),C),E) ED F),DELLA CONVENZIONE DI PROROGA APPROVATA CON DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 DICEMBRE 1972,N.782 ,NEL PERIODO DALL'1 GENNAIO 1975 FINO ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DELLA PRESENTE CONVENZIONE,I CORRISPETTIVI AD ESSA DOVUTI SARANNO STABILITI,AI SENSI DELL' ART.2 DEL DECRETO-LEGGE 30 APRILE 1974, N.113 ,CONVERTITO NELLA LEGGE 27 GIUGNO 1974,N.245,DAL MINISTRO PER LE POSTE E LE TELECOMUNICAZIONI D'INTESA CON IL MINISTRO PER IL TESORO SENTITA LA SOCIET└ CONCESSIONARIA.

ART.34. RAPPORTI CON ALTRE CONCESSIONI

  RESTANO SALVE LE COMPETENZE ATTRIBUITE IN ESCLUSIVA DALLE VIGENTI CONCESSIONI ALLE SOCIET└ CONCESSIONARIE DI PUBBLICI SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI.

ART.35. REGISTRAZIONE ED EFFICACIA

  L'EFFICACIA DELLA CONVENZIONE ╚ SUBORDINATA ALLA REGISTRAZIONE ALLA CORTE DEI CONTI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CHE L'APPROVA E RENDE ESECUTIVA.

ROMA,ADD╠ 7 AGOSTO 1975
PER LA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A.
IL PRESIDENTE
ON.PROF.BENIAMINO FINOCCHIARO
PER L'AMMINISTRAZIONE
DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI
IL DIRETTORE GENERALE
DOTT.UGO MONACO
IN ATTUAZIONE E ADEMPIMENTO DI QUANTO DELIBERATO DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI NELLA SEDUTA IN DATA 8 AGOSTO 1975 IL MINISTERO DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI (AMMINISTRAZIONE DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI)E LA RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A. , COME SOPRA RAPPRESENTATI,CONVENGONO CHE IL TERZO COMMA DELL'ART.28 DELLA SUESTESA CONVENZIONE,STIPULATA IN DATA 7 AGOSTO 1975,SIA SOSTITUITO DAL SEGUENTE:
_A DECORRERE DAL 1976 LA RAI CORRISPONDER└ ALL'AMMINISTRAZIONE DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI E AL MINISTERO DEL TESORO UN CANONE ANNUO RISPETTIVAMENTE NELLA MISURA DEL 2,50% E DEL 2% SU TUTTI I PROVENTI LORDI,CALCOLATI CON I CRITERI INDICATI NEL PRIMO COMMA;LA PERCENTUALE CHE AFFLUIR└ AL MINISTERO DEL TESORO RESTA DESTINATA PER FINANZIARE MANIFESTAZIONI TEATRALI E MUSICALI ALL'INTERNO E ALL'ESTERO_.
RIMANE FERMA OGNI ALTRA PATTUIZIONE DELLA SUINDICATA CONVENZIONE.
ROMA,ADD╠ 8 AGOSTO 1975
PER LA RAI- RADIOTELEVISIONE ITALIANA S.P.A.
IL PRESIDENTE
ON.PROF. BENIAMINO FINOCCHIARO
PER L'AMMINISTRAZIONE
DELLE POSTE E DELLE TELECOMUNICAZIONI
IL DIRETTORE GENERALE
DOTT.UGO MONACO

Annesso AA

ALLEGATO A

  IMPIANTI TRASMITTENTI TELEVISIVI

  IN ESERCIZIO AL 30 GIUGNO 1975

  PROGRAMMA NAZIONALE:

  IMPIANTI...N.806(ESISTONO,INOLTRE,N.11 IMPIANTI RIPETITORI DI COLLEGAMENTO IN PONTE RADIO.

  SECONDO PROGRAMMA:

  IMPIANTI...N.408(ESISTONO,INOLTRE,N.9 IMPIANTI RIPETITORI DI COLLEGAMENTO IN PONTE RADIO.

  IN COSTRUZIONE AL 30 GIUGNO 1975

  PROGRAMMA NAZIONALE:

  IMPIANTI...N.52

  SECONDO PROGRAMMA:

  IMPIANTI...N.112

  PROGRAMMI STRANIERI,IN LINGUA FRANCESE,PER LA VAL D'AOSTA:

  IMPIANTI...N.30

  IMPIANTI TRASMITTENTI TELEVISIVI

  IN ESERCIZIO AL 30 GIUGNO 1975

  PROGRAMMA NAZIONALE

  PIEMONTE

  ACQUI TERME

  ANDRATE

  BARDONECCHIA

  BORGO SAN DALMAZZO

  CANDOGLIA

  CANELLI-SANTO STEFANO BELBO

  CANNOBIO

  CEVA

  CIMA REDUTA

  CLAVESANA

  COLLE CROCE DI CERES

  CORTEMILIA

  DEMONTE

  DOGLIANI

  DOMODOSSOLA

  FENESTRELLE

  GARESSIO

  GAVI

  LAGO D'ORTA

  LIMONE PIEMONTE

  MONDOV╠

  MONTE BANCHETTA

  MONTE MOTTARONE

  MONTE SPINETO

  NASINO

  ORMEA

  OULX

  OVADA

  PAMPAL┘

  PIAN DI MOZZIO

  PIEVE VERGONTE

  PONT CANAVESE

  PREMENO

  SALICETO

  SAN COLOMBANO

  SAN MAURIZIO DI FRASSINO

  SANTA MARIA MAGGIORE

  SESTRI╚ RE

  SUSA

  TETTI CHIOTTI

  TORINO

  TORINO CITT└

  TRIVERO

  VALDUGGIA

  VALLE ANTIGORIO

  VARALLO SESIA

  VARZO

  VENASCA

  VILLADOSSOLA

  VILLAR PEROSA

  VALLE D'AOSTA

  AOSTA

  CHAMPOLUC

  COGNE

  COL DE COURTIL

  COL DE JOUX

  COURMAYEUR-LE PAVILLON

  GRESSONEY

  MONTE COLOMBO

  PLATEAU ROSA

  SAINT NICOLAS

  SAINT VINCENT

  TESTA D'ARPI

  TORGNON

  LOMBARDIA

  AIRUNO

  ANGOLO

  APRICA

  BAGOLINO

  BARZIO

  BELLAGIO

  BIENNIO

  BOCCA DI CROCE

  BRAVADINA

  CAMPIONE D'ITALIA

  CHIAVENNA

  CLUSONE

  COMO

  EDOLO

  ESMATE

  GARDONE VAL TROMPIA

  GAVARDO

  LECCO

  LEFFE

  LOVERO

  MADONNA DI OGA

  MALONNO

  MARONE

  MILANO

  MONTE CREĎ

  MONTE MARZIO

  MONTE PADRIO

  MONTE PENICE

  MONTE RENA

  MONTE SUELLO

  NAGGIO

  NARRO

  NOSSA

  OGGIONO

  OSSIMO

  PASPARDO

  PIGRA

  POIRA

  PONTE CHIASSO

  PONTE DI LEGNO

  PRIMOLO

  SAN PELLEGRINO TERME

  SONDALO

  SONDRIO

  STAZZONA

  TIRANO

  VALLE SAN GIACOMO

  VAL MALENCO

  VALTESSE

  ZOGNO

  TRENTINO-ALTO ADIGE

  ALBAREDO

  BADIA

  BASSA VAL LAGARINA

  BOLZANO

  BORGO VAL SUGANA

  BRENNERO

  BRUNICO

  CAMPO TURES

  CANAL SAN BOVO

  CIMA PALON

  CIMA PENEGAL

  COL ALTO IN BADIA

  COL PLAGNA

  COL RODELLA

  CONCA TESINO

  DOBBIACO

  DRENA

  FIERA DI PRIMIERO

  FORTE CARRIOLA

  GRIGNO

  LASA

  MADONNA DI CAMPIGLIO

  MALLES VENOSTA

  MARCA DI PUSTERIA

  MAREBBE

  MASO ORSI

  MERANO

  MEZZOLOMBARDO

  MIONE

  MOLVENO

  MONGUELFO

  MORI

  PAGANELLA

  PASSO GARDENA

  PINZOLO

  PLOSE

  PRATO ALLO STELVIO

  PREDONICO

  RENON

  RIVA DEL GARDA

  ROVERETO

  SAN CANDIDO

  SAN COSTANTINO DI FI╚

  SAN FLORIANO

  SAN MARTINO DI CASTROZZA

  SANTA GIULIANA

  SAN VIGILIO

  SARENTINO

  SELLA DI VALSUGANA

  SELVA DI VAL GARDENA

  TESERO DI FIEMME

  TIONE

  VALDAORA

  VALDASTICO

  VAL DI CEMBRA

  VAL DI FASSA

  VAL DI PEJO

  VAL DI SOLE

  VAL GARDENA

  VALLE ISARCO

  VAL VENOSTA

  VATTARO

  ZENDRI

  ZIANO DI FIEMME

  VENETO

  AGORDO

  ALLEGHE

  ALPAGO

  ARSI╚

  ARSIERO

  ASIAGO

  AURONZO

  BADIA CALAVENA

  CALALZO

  CISMON DEL GRAPPA

  COL BAION

  COL DEL GALLO

  COL PERER

  COLLE SANTA LUCIA

  COL VISENTIN

  COMELICO

  CORTINA D'AMPEZZO

  FELTRE

  FOLLINA

  FONZASO

  FORCELLA CIBIANA

  GOSALDO

  LONGARONE

  MALCESINE

  MASAR╚ DI ALLEGHE

  MONTE ARALTA

  MONTECCHIO MAGGIORE

  MONTE CELENTONE

  MONTE LA GUSELLA

  MONTE MIRABELLO

  MONTE PIANAR

  MONTE RAGA

  MONTE VENDA

  NEGRAR

  OSPITALE DI CADORE

  PIEVE DI CADORE

  RECOARO

  SAN PIETRO DI CADORE

  SAPPADA

  SOVERZENE

  SPIAZZI DI MONTE BALDO

  TARZO

  VALDAGNO

  VALLE DEL BOITE

  VALLE DEL CHIAMPO

  VALLI DEL PASUBIO

  VALPANTENA

  VALSTAGNA

  VERONA

  VICENZA

  VITTORIO VENETO

  FRIULI-VENEZIA GIULIA

  AMPEZZO

  ANDREIS

  CAVE DEL PREDIL

  CESCLANS

  CIMOLAIS

  CLAUT

  COLLE DI UL

  FAIDONA

  FORCELLA DI GIAIS

  FORNI AVOLTRI

  FORNI DI SOPRA

  FORNI DI SOTTO

  FRISANCO

  GORIZIA

  LOVEA

  MOGGIO UDINESE

  MONTE PRISNIG

  MONTE PURGESSIMO

  MONTE SANTO DI LUSSARI

  MONTE STAULIZZE

  MONTE TENCHIA

  OVARO

  PAULARO

  POLCENIGO

  PONTEBBA

  RAVASCLETTO

  RAVEO

  TARVISIO

  TIMAU

  TOLMEZZO

  TRAMONTI DI MEZZO

  TRIESTE

  TRIESTE MUGGIA

  UDINE

  VENZONE

  LIGURIA

  ALASSIO

  ANDORA

  BORDIGHERA

  BORZONASCA

  BRIC MONDO

  BUSALLA

  CAIRO MONTENOTTE

  CAMALDOLI

  CARPASIO

  CENGIO

  CIMA TRAMONTINA

  COL DI RODI

  FINALE LIGURE

  GENOVA RIGHI

  IMPERIA

  LA SPEZIA

  LEVANTO

  MASONE

  MONTALTO LIGURE

  MONTE BUROT

  MONTE CALVARIO

  MONTE CAPENARDO

  MONTE LAGHICCIOLO

  MONTE SAN NICOLAO

  MONTE TUGIO

  MONTE VETTA

  N╚

  OREGINA

  PIETRA LIGURE

  PIEVE DI TECO

  PIZZO CERESA

  POLCEVERA

  PONTINVREA

  PORTOFINO

  PORTOFINO MARE

  RIOMAGGIORE

  ROCCAVIGNALE

  RONCO SCRIVIA

  SAN MARTINO DEL MONTE

  SAN PANTALEO

  SAN REMO-MONTE BIGNONE

  SAN ROCCO

  SASSELLO

  SAVONA

  STELLA

  TAGGIA

  TORRIA

  TORRIGLIA

  VAL DI VARA

  VERNAZZA

  EMILIA-ROMAGNA

  BAGNO DI ROMAGNA

  BARDI

  BEDONIA

  BELVEDERE DI SORBANO

  BERTINORO

  BOLOGNA

  BORELLO DI CESENA

  BORGO TOSSIGNANO

  BORGO VAL DI TARO

  BRISIGHELLA

  CASOLA VALSENIO

  CASTEL DEL RIO

  CASTELNUOVO NEI MONTI

  CASTROCARO

  CERIGNALE

  CIVITELLA DI ROMAGNA

  FARINI D'OLMO

  FORNOVO DI TARO

  LANGHIRANO

  LIGONCHIO

  LOLANO

  MARZABOTTO

  MERCATO SARACENO

  MODIGLIANA

  MONCHIO DELLE CORTI

  MONTERENZIO

  MONTE SANTA GIULIA

  MONTESE

  MORFASSO

  NEVIANO DEGLI ARDUINI

  OTTONE

  PAVULLO NEL FRIGNANO

  PELLEGRINO PARMENSE

  PIEVEPELAGO

  PIETRACUTA DI SAN LEO

  PIEPPO DI SALVARE

  PERRETTA-JEROE

  PREDAPPIO

  PREMILCUORE

  ROCCA SAN CASCIANO

  SALSOMAGGIORE

  SAN BENEDETTO IN ALPE

  SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO

  SANTA SOFIA

  TREDOZIO

  VERGATO

  TOSCANA

  ABETONE

  ANTONA

  AULLA-BASTIONE

  BAGNI DI LUCCA

  BAGNONE

  BASSA GARFAGNANA

  BORGO A MOZZANO

  CAMAIORE

  CAPOLIVERI

  CARRARA

  CASENTINO

  CASOLA IN LUNIGIANA

  CASTIGLIONCELLO

  COLLE VAL D'ELSA

  EQUI TERME

  FIRENZE

  FIRENZUOLA

  FIVIZZANO

  FORNO DI MASSA

  GAIOLE IN CHIANTI

  GARFAGNANA

  GORFIGLIANO

  GREVE

  LONDA

  LUNIGIANA

  MARRADI

  MASSA

  MASSAROSA

  MASSA SAN CARLO

  MINUCCIANO

  MONTE ARGENTARIO

  MONTE PICOCCHINA

  MONTE SERRA

  MUGELLO

  PALAZZUOLO SUL SENIO

  PIAZZA AL SERCHIO

  PIETRASANTA

  PIEVE SANTO STEFANO

  PIOMBINO

  POGGIO PRATOLINO

  PONTASSIEVE

  PULICCIANO

  QUERCIANELLA

  RUFINA

  SAN CERBONE

  SAN GIULIANO TERME

  SAN GODENZO

  SAN MARCELLO PISTOIESE

  SANTA FIORA

  SASSI GROSSI

  SCARLINO

  SEMPRONIANO

  SERAVEZZA

  STAZZEMA

  SUBBIANO

  TALLA

  TORANO DI CARRARA

  ULIVETO TERME

  VAGLI DI SOTTO

  VAIANO

  VALLECCHIA

  VAL TAVERONE

  VERNIO

  VILLA BASILICA

  ZERI

  MARCHE

  ACQUASANTA TERME

  ANCONA

  ANTICO DI MAIOLO

  ARQUATA DEL TRONTO

  ASCOLI PICENO

  CAMERINO

  CASTELSANTANGELO

  COLLE CARBONARA

  ESANATOGLIA

  FABRIANO

  FERMO

  FIASTRA

  FIUMINATA

  FRONTIGNANO

  MACERATA

  MONTE CONERO

  MONTE NERONE

  MUCCIA

  PESARO

  PIORACO

  PUNTA BORE TESINO

  ROTELLA

  SAN PAOLO

  SAN SEVERINO TORRE

  SANTA LUCIA IN CONSILVANO

  SARNANO

  SASSOFERRATO

  SENTINO

  SERRA SAN QUIRICO

  SERRAVALLE DI CHIENTI

  SFORZACOSTA

  TOLENTINO

  USSITA

  VALLE DELL'ASO

  VISSO

  UMBRIA

  CASCIA

  CERRETO DI SPOLETO

  FOLIGNO

  GROTTI DI VALNERINA

  GUADAMELLO

  GUBBIO

  MONTE PEGLIA

  NOCERA UMBRA

  NORCIA

  SELLANO

  SPOLETO

  TERNI

  VALLO DI NERA

  LAZIO

  ACQUAPENDENTE

  ALTIPIANI DI ARCINAZZO

  AMASENO

  AMASENO VALLECCHIA

  AMATRICE

  ANTRODOCO

  ARTENA

  AUSONIA

  BOLSENA

  BORGOROSE

  CAMPO CATINO

  CAMPODIMELE

  CANEPINA

  CANINO

  CARPINETO ROMANO

  CASSINO

  CITTADUCALE

  CIVITACASTELLANA

  ESPERIA

  FILETTINO

  FIUGGI

  FONDI

  FORMIA

  GAETA

  GUADAGNOLO

  ISOLA LIRI

  ITRI

  LENOLA

  LEONESSA

  MONTE CROCE

  MONTE FAVONE

  MONTE PILUCCO

  PESCOROCCHIANO

  ROCCA D'ARCE

  ROCCA DI ANTRODOCO

  ROCCA MASSIMA

  ROMA

  ROMA EUR

  ROMA- TRASTEVERE

  SEGNI

  SETTEFRATI

  SEZZE

  SONNINO

  SUBIACO

  TERMINILLO

  TERRACINA

  TIVOLI

  VALLECORSA

  VALLEPIETRA

  VELLETRI

  VICALVI

  ABRUZZI

  ANVERSA DEGLI ABRUZZI

  ARCHI

  BARREA

  CAMPLI

  CAMPO DI GIOVE

  CAMPO IMPERATORE

  CAMPOTOSTO

  CAPISTRELLO

  CARAMANICO

  CASOLI PALOMBARO

  CASTEL DI SANGRO

  CASTELLAFIUME

  CASTELLI

  CIVITA D'ANTINO

  FANO ADRIANO

  FUCINO

  GORIANO SICOLI

  L'AQUILA

  L'IMMACOLATA

  LUCOLI

  MONTE CIMARANI

  MONTE DELLA SELVA

  MONTEFERRANTE

  MONTEREALE

  MONTE SAN COSIMO

  MONTORIO AL VOMANO

  ORICOLA

  PESCARA

  PESCARA S.SILVESTRO C.S.

  PESCASSEROLI

  PIANA DI NAVELLI

  PIETRA CORNIALE

  PIETRA CORNIALE C.S.

  PIETRAGRANDE

  ROCCA PIA

  ROCCARASO

  ROSELLO

  SAN BENEDETTO IN PERILLIS

  SCANNO

  SCHIAVI D'ABRUZZO

  SULMONA

  TERAMO

  TORRICELLA PELIGNA

  TORRICELLA SICURA

  VALLE DELLA VIBRATA

  VASTO

  VILLA RUZZI

  MOLISE

  CAMPOBASSO

  CAPRACOTTA

  CERCEMAGGIORE

  ISERNIA

  LARINO

  MIRANDA

  MONTE CERVARO

  MONTE PATALECCHIA

  RICCIA

  SAN PIETRO AVELLANA

  CAMPANIA

  AGNONE

  AIROLA

  AMALFI

  AQUARA

  BENEVENTO

  CAMPAGNA

  CAPO PALINURO

  CAPOSELE

  CAPRI

  CASERTA

  CASTELFRANCI

  CAVA DEI TIRRENI

  FONTEGRECA

  FORIO D'ISCHIA

  GOLFO DI POLICASTRO

  GOLFO DI SALERNO

  GRAGNANO

  LUZZANO DI MOIANO

  MONTE DI CHIUNZI

  MONTE FAITO

  MONTESANO SULLA MARCELLANA

  MONTE VERGINE

  NAPOLI CAMALDOLI

  NUSCO

  PADULA

  PIAGGINE

  PIETRAROIA

  POSTIGLIONE

  PRATELLA

  PRESENZANO

  QUINDICI

  ROCCAROMANA

  SALERNO

  SANT'AGATA DEI GOTI

  SANTA MARIA A VICO

  SANTA TECLA

  SIANO

  SORRENTO

  TEGGIANO

  TRAMONTI

  VALLE TELESINA

  VOLTURARA IRPINIA

  PUGLIA

  BARI

  CASTRO

  MARTINA FRANCA

  MONTE CACCIA

  MONTE D'ELIO

  MONTE SAMBUCO

  MONTE SAN NICOLA

  PALMARIGGI

  SALENTO

  SAN MARCO IN LAMIS

  SANNICANDRO GARGANICO

  SANTA MARIA DI LEUCA

  VICO DEL GARGANO

  VIESTE

  BASILICATA

  AGROMONTE MILEO

  ANZI

  BALVANO

  BARAGIANO

  BRIENZA

  CASTELMEZZANO

  CHIAROMONTE

  GORGOGLIONE

  LAGONEGRO

  MARSICO NUOVO

  MATERA

  MOLITERNO

  MONTE MACCHIA CARRARA

  MONTE PIERFAONE

  PESCOPAGANO

  POMARICO

  POTENZA

  SAN COSTANTINO ALBANESE

  SETA DI CALVELLO

  SPINOSO

  TEMPA CANDORE

  TEMPA DI VOLPE

  TERRANOVA DI POLLINO

  TRAMUTOLA

  TRECCHINA

  TURSI

  VAGLIO DI BASILICATA

  VIGGIANELLO

  CALABRIA

  ACRI

  AIETA

  BAGNARA CALABRA

  BRANCALEONE

  CAPO SPARTIVENTO

  CASIGNANA

  CATANZARO-MONTE TIRIOLO

  CERCHIARA DI CALABRIA

  CHIARAVALLE CENTRALE

  CONFLENTI

  CROTONE

  GALATRO

  GAMBARIE

  GRISOLIA

  GUARDAVALLE

  LAGO

  LAINO CASTELLO

  LONGOBUCCO

  MAMMOLA

  MESORACA

  MONTEBELLO JONICO

  MONTE EREMITA

  MONTE SCAVO

  MONTE SCURO

  MORANO CALABRO

  MORMANNO

  NOCERA TIRINESE

  ORIOLO CALABRO

  ORSOMARSO

  PAPASIDERO

  PATERNO CALABRO

  PAZZANO

  PIZZO

  PLAT╠

  ROSETO CAPO SPULICO

  SANT'AGATA DI ESARO

  SAN GIOVANNI IN FIORE

  SAN MARCO ARGENTANO

  SCILLA

  SELLIA

  SERRA SAN BRUNO

  SOLLERIA

  STALETTI

  VIBO VALENTIA

  SICILIA

  AGRIGENTO

  ALCAMO

  ANTILLO

  BELMONTE MEZZAGNO

  BELVEDERE DI SIRACUSA

  BORGETTO

  CANICATT╠

  CAPO D'ORLANDO

  CARINI

  CASTELBUONO

  CASTELLO DI ERICE

  CASTIGLIONE DI SICILIA

  CINISI

  CORLEONE

  FIUMEDINISI

  FONDACHELLO

  GALATI MAMERTINO

  GELA

  GIAMPILIERI

  ISPICA

  LAMPEDUSA

  LIPARI

  MARINA DI RAGUSA

  MARINEO

  MEZZOIUSO

  MISTRETTA

  MODICA

  MONREALE

  MONTE CAMMARATA

  MONTE LAURO

  MONTE PELLEGRINO

  MONTE SORO

  NICOSIA

  NOTO

  NOVARA DI SICILIA

  PANTELLERIA

  PIAZZA ARMERINA

  PIRAINO

  PIZZO MELIA

  PORTO EMPEDOCLE

  PUNTA RAISI

  ROCCELLA VALDEMONE

  SAN PIER NICETO

  SANTA LUCIA DEL MELA

  SANTA MARIA DEL BOSCO

  SANTO STEFANO QUISQUINA

  SAN VITO LO CAPO

  SAPONARA

  SCICLI

  SINAGRA

  TERMINI IMERESE

  TORTORICI

  TRAPANI-ERICE

  SARDEGNA

  AL└ DEI SARDI

  ALGHERO

  ARBUS

  ARZANA

  BARBAGIA

  BITTI

  BOSA

  BRUNCU PERDA BIANCA

  CAGLIARI

  CAMPU SPINA

  CAPRERA

  CASTELSARDO

  CUGLIERI

  DESULO

  FLUMINIMAGGIORE

  GAIRO

  GAVOI

  GONNESA

  IGLESIAS

  LUOGOSANTO

  MARMILLA

  MONTE LIMBARA

  MONTE ORTOBENE

  MONTE SERPEDDI

  NARCAO

  NULE

  OGLIASTRA

  OROSEI

  OZIERI

  PADRU

  POSADA

  PUNTA BADDE URBARA

  PUNTA BALOCCO

  SADALI

  SANT'ANTIOCO

  SARRABUS

  SASSARI

  SEDINI

  SENNORI

  SEUI

  SINISCOLA

  SORGONO

  TERTENIA

  TEULADA

  VILLASIMIUS

  SECONDO PROGRAMMA

  PIEMONTE

  ACQUI TERME

  ANDRATE

  BORGONE DI SUSA

  BORGOSESIA

  BRA

  CANDOGLIA

  CANELLI-SANTO STEFANO BELBO

  CHIVASSO

  MONCALIERI

  MONTE MOTTARONE

  MONTE SPINETO

  OVADA

  PAMPAL┘

  PIAN DI MOZZIO

  PIEVE VERGONTE

  PREMENO

  TORINO

  TORINO CITT└

  TORINO COLLINA

  TRIVERO

  VILLANOVA MONDOV╠

  VILLAR PEROSA

  VALLE D'AOSTA

  AOSTA

  COL DE COURTIL

  COURMAYEUR-LE PAVILLON

  MONTE COLOMBO

  SAINT NICOLAS

  SAINT VINCENT

  TESTA D'ARPI

  LOMBARDIA

  ALRUNO

  BELLAGIO

  CAMPIONE D'ITALIA

  CAMPO DEI FIORI

  CHIAVENNA

  CLUSONE

  COMO

  GARDONE VAL TROMPIA

  LECCO

  LEFFE

  MILANO

  MONTE BISBINO

  MONTE CREĎ

  MONTE ORSA

  MONTE PENICE

  MONTE RENA

  MONTE SOMMAFIUME

  NOVATE MEZZOLA

  OGGIONO

  PASPARDO

  POIRA

  SAN PELLEGRINO TERME

  SELVA PIANA

  SONDRIO

  STAZZONA

  TRENTINO-ALTO ADIGE

  BASSA VAL LAGARINA

  BOCENAGO

  BORGO VAL SUGANA

  BRENNERO

  BRUNICO

  CIMA PALON

  CIMA PENEGAL

  CONCA TESINO

  DOBBIACO

  FORTE CARRIOLA

  LASA

  MALLES VENOSTA

  MARANZA

  MARCA DI PUSTERIA

  MIONE

  MOLVENO

  MONGUELFO

  MONTE BRIONE

  PAGANELLA

  PLOSE

  PRATO ALLO STELVIO

  PREDONICO

  RENON

  ROVERETO

  SAN CANDIDO

  SANTA GIULIANA

  SARENTINO

  SELVA DI VAL GARDENA

  TESERO DI FIEMME

  VAL DI CEMBRA

  VAL DI SOLE

  VAL GARDENA

  VALLE ISARCO

  VAL VENOSTA

  VENETO

  AGORDO

  AGUGLIANA

  ALPAGO

  ARSIERO

  ASIAGO

  COL VISENTIN

  COMELICO

  CORTINA D'AMPEZZO

  MONTE ARALTA

  MONTE CELENTONE

  MONTE CERO

  MONTE MIRABELLO

  MONTE PIANAR

  MONTE RAGA

  MONTE RONCONE

  MONTE VENDA

  NEGRAR

  PIEVE DI CADORE

  RECOARO

  SAN MARTINO DI CAVASO

  SAN PIETRO DI CADORE

  SAN ZENO

  SPIAZZI DI MONTE BALDO

  VALDAGNO

  VALLE DEL BOITE

  VERONA

  VICENZA

  FRIULI-VENEZIA GIULIA

  CESCLANS

  GORIZIA

  MOGGIO UDINESE

  MONTE PRISNIG

  MONTE PURGESSIMO

  MONTE SANTO DI LUSSARI

  MONTE STAULIZZE

  MONTE TENCHIA

  OVARO

  TARVISIO

  TOLMEZZO

  TRIESTE

  TRIESTE MUGGIA

  UDINE

  LIGURIA

  ALASSIO

  BORDIGHERA

  BUSALLA

  CAIRO MONTENOTTE

  CAMALDOLI

  CENGIO

  CIMA TRAMONTINA

  FINALE LIGURE

  GENOVA RIGHI

  IMPERIA

  LA SPEZIA

  MONTE BEIGUA

  MONTE BUROT

  MONTE CALVARIO

  MONTE CAPENARDO

  MONTE SAN NICOLAO

  MONTE TUGIO

  POLCEVERA

  PORTOFINO

  ROCCAVIGNALE

  RONCO SCRIVIA

  SAN BERNARDINO

  SAN PANTALEO

  SAN REMO-MONTE BIGNONE

  SAVONA

  TAGGIA

  EMILIA-ROMAGNA

  BERCETO

  BERTINORO

  BETTOLA

  BOLOGNA-COLLE BARBIANO

  BORGO VAL DI TARO

  BRISIGHELLA

  CASTELNUOVO NEI MONTI

  CASTROCARO

  FARINI D'OLMO

  FORNOVO DI TARO

  MERCATO SARACENO

  MODIGLIANA

  MONTE CANATE

  MONTE CASTELLO

  PAVULLO NEL FRIGNANO

  PIANE DI MOCOGNO

  PORRETTA TERME

  RICCIONE

  SALSOMAGGIORE

  TOSCANA

  AULLA BASTIONE

  BAGNI DI LUCCA-LUGLIANO

  CAMAIORE

  CAPOLIVERI

  CAPRIGLIA DI PIETRASANTA

  CARRARA

  CASENTINO

  CASTEL DEL PIANO

  COLLE VAL D'ELSA

  FIRENZE

  FIVIZZANO

  GARFAGNANA

  LUNIGIANA

  MASSAROSA

  MASSA SAN CARLO

  MINUCCIANO

  MOLAZZANA

  MONTE ARGENTARIO

  MONTE LUCO

  MONTE SERRA

  MUGELLO

  PIEVE SANTO STEFANO

  PIOMBINO

  POGGIO PRATOLINO

  PONTASSIEVE TORRE

  PRATO

  PULICCIANO

  SAN GIULIANO TERME

  SAN MARCELLO PISTOIESE

  ULIVETO TERME

  VAGLI DI SOTTO

  VAIANO

  MARCHE

  ACQUASANTA TERME

  ANCONA

  ANTICO DI MAIOLO

  ASCOLI PICENO

  CAGLI

  CAMERINO

  FABRIANO

  FERMO

  MACERATA

  MONTE CONERO

  MONTE NERONE

  MONTE SAN SILVESTRO

  PESARO

  PUNTA BORE TESINO

  SAN PAOLO

  SAN SEVERINO MARCHE

  TOLENTINO

  UMBRIA

  FOLIGNO

  GUADAMELLO

  GUBBIO

  MONTE ARNATO

  MONTE PEGLIA

  MONTE SUBASIO

  NARNI

  NOCERA UMBRA

  SELLANO

  SPOLETO

  TERNI

  LAZIO

  AUSONIA

  CARPINETO ROMANO

  CASSINO

  FIUGGI

  GAETA

  GUADAGNOLO

  ISOLA LIRI

  MONTE CAVO

  MONTE FAVONE

  MONTE PILUCCO

  PESCOROCCHIANO

  ROMA

  SEGNI

  SETTEFRATI

  SEZZE

  SONNINO

  SUBIACO

  TERMINILLO

  TERRACINA

  VELLETRI

  ABRUZZI

  ARCHI

  CAPISTRELLO

  CASOLI PALOMBARO

  CIVITA D'ANTINO

  GISSI

  GORIANO SICOLI

  L'AQUILA

  L'IMMACOLATA

  MONTE CIMARANI

  MONTE DELLA SELVA

  MONTE SAN COSIMO

  MONTORIO AL VOMANO

  ORICOLA

  PESCARA

  PIETRA CORNIALE

  ROCCARASO

  SCANNO

  SCHIAVI D'ABRUZZO

  TERAMO

  TORRICELLA PELIGNA

  MOLISE

  CERCEMAGGIORE

  ISERNIA

  MIRANDA

  MONTE CERVARO

  MONTE PATALECCHIA-COLLICELLO

  CAMPANIA

  AIROLA

  AMALFI

  BENEVENTO

  CAGGIANO

  CAMPAGNA

  CAPOSELE

  CAPRI

  CASERTA

  CASTEL CAMPAGNANO

  CAVA DEI TIRRENI

  FISCIANO

  FORIO D'ISCHIA

  GOLFO DI POLICASTRO

  GOLFO DI SALERNO

  GRAGNANO

  MONTE DI CHIUNZI

  MONTE FAITO

  MONTE TABURNO

  MONTE VERGINE

  NAPOLI CAMALDOLI

  NUSCO

  POSTIGLIONE

  QUINDICI

  ROCCAROMANA

  SALERNO

  SANTA MARIA A VICO

  SANTA TECLA

  SESSA AURUNCA

  SORRENTO

  TEGGIANO

  PUGLIA

  CANOSA DI PUGLIA

  GINOSA

  MARTINA FRANCA

  MONTE CACCIA

  MONTE D'ELIO

  MONTE SAMBUCO

  MONTE SAN NICOLA

  SALENTO-TURRISI

  SAN MARCO IN LAMIS

  SANNICANDRO GARGANICO

  BASILICATA

  BALVANO

  CHIAROMONTE

  LAGONEGRO

  MOLITERNO

  MONTE PIERFAONE

  PESCOPAGANO

  POTENZA-MONTOCCHIO

  POTENZA-TEMPA ROSSA

  SERRA PIETRA DEL LEPRE

  SPINOSO

  TEMPA CANDORE

  TEMPA DI VOLPE

  TRAMUTOLA

  TRECCHINA

  VIGGIANELLO

  CALABRIA

  ACRI

  BAGNARA CALABRA

  CAPO SPARTIVENTO

  CASIGNANA

  CATANZARO-MONTE TIRIOLO

  CHIARAVALLE CENTRALE

  CROTONE

  GAMBARIE

  MONTE SCAVO

  MONTE SCURO

  PATERNO CALABRO

  PIZZO

  SAN GIOVANNI IN FIORE

  SAN MARCO ARGENTANO

  SCILLA

  SELLIA

  SERRA SAN BRUNO-BROGNATURO

  SOLLERIA

  STALETTI

  STRADALATA SOPRANO

  VIBO VALENTIA

  SICILIA

  AGRIGENTO

  ALCAMO-MONTE BONIFATO

  CALTANISSETTA

  CANICATT╠

  CAPO D'ORLANDO

  CAPO MILAZZO

  CARINI

  CASTIGLIONE DI SICILIA

  CATANIA

  CINISI

  FONDACHELLO

  ISPICA

  MARINEO

  MESSINA

  MISTRETTA

  MODICA

  MONREALE

  MONTE CAMMARATA

  MONTE LAURO

  MONTE PELLEGRINO

  MONTE SORO

  NICOSIA

  NOTO

  PALMA DI MONTECHIARO

  PIAZZA ARMERINA

  PIRAINO

  PUNTARAISI

  SCIACCA

  SCICLI

  TERMINI IMERESE

  TRAPANI-ERICE

  SARDEGNA

  ALGHERO

  ARBUS

  ARZANA

  BITTI

  BRUNCU PERDA BIANCA

  CAGLIARI

  CAMPU SPINA

  IGLESIAS

  MONTE LIMBARA

  MONTE ORTOBENE

  MONTE SERPEDDI

  NULE

  OGLIASTRA

  OZIERI

  PADRU

  PUNTA BADDE URBARA

  PUNTA BALOCCO

  SANT'ANTIOCO

  SARRABUS

  SASSARI

  SENNORI

  SINISCOLA

  IN COSTRUZIONE AL 30 GIUGNO 1975

  PROGRAMMA NAZIONALE

  PIEMONTE

  MONTE QUARONE

  SERRE

  CASTELDELFINO

  FONDOVALLE

  PREMIA

  RIVASCO

  ESTOUL

  ISSOGNE-ARNAZ

  HONE-BARD

  LOMBARDIA

  MONTE COLMO

  SELVA PIANA

  VILLA D'OGNA

  TRENTINO-ALTO ADIGE

  DOSS CAPELLO

  VENETO

  LOZZO DI CADORE

  S.STEFANO DI CADORE

  LIGURIA

  RIVA TRIGOSO

  SUSENEO

  CERIANA

  VENTIMIGLIA

  EMILIA- ROMAGNA

  MONTE CASTELLO

  TOSCANA

  CAMPIOBBI

  MONTE DEI RONCHI

  ARNI

  ISOLA DEL GIGLIO

  MARCHE

  CERQUETO DI GENGA

  COLLE RAPINA

  UMBRIA

  PIEDILUCO

  MARMORE

  ROCCAPORENA DI CASCIA

  LAZIO

  COLLE MORETTO

  AGOSTA

  ABRUZZO E MOLISE

  VALLE ATERNO

  BASSA VALLE ATERNO

  CERRO AL VOLTURNO

  CARPINONE

  PESCINA

  ACQUAVIVA COLLECROCE

  CAMPANIA

  MIGNANO MONTELUNGO

  BAIA E LATINA

  GALLO

  TORTORELLA

  BASILICATA

  COGLIANDRINO

  SERRA PIETRA DEL LEPRE

  CALABRIA

  ISCA SULLO IONIO

  MONTE GALLO DI CAULONIA

  PARENTI

  BUONVICINO

  SICILIA

  CALATABIANO

  GAGGI

  LINOSA

  CALVARUSO

  SARDEGNA

  USASSAI

  SECONDO PROGRAMMA

  PIEMONTE

  FAIALLO

  PONT CANAVESE

  MONTE QUARONE

  DRONERO

  GARESSIO

  CEVA

  GAVI

  SANTA MARIA MAGGIORE

  DOMODOSSOLA

  PLATEAU ROS└

  COGNE

  CHAMPOLUC

  ESTOUL

  ISSOGNE-ARNAZ

  HONE-BARDE

  TORGNON

  COL DE JOUX

  LOMBARDIA

  MONTE COLMO

  MADONNA DI OGA

  BRAVADINA

  MONTE PADRIO

  TIRANO

  MONTE GIREGLIO

  NAGGIO

  BIENNO

  TRENTINO-ALTO ADIGE

  S.MARTINO DI CASTROZZA

  FIERA DI PRIMIERO

  CANAL S.BOVO

  VAL DI FASSA

  S. FLORIANO

  TIONE

  DOSS CAPELLO

  FRIULI-VENEZIA GIULIA

  AMPEZZO

  VENETO

  CISON DI VALMARINO

  VALPANTENA

  VALPOLICELLA

  S.STEFANO DI CADORE

  LIGURIA

  LEVANTO

  BRIC MONDO

  MONTE VETTA

  EMILIA-ROMAGNA

  VERGATO

  BAGNO DI ROMAGNA

  TREDOZIO

  BEDONIA

  MONTE SPINELLO

  PIOPPE DI SALVARO

  MARZABOTTO

  TOSCANA

  TALLA

  BORGO A MOZZANO

  CONVENTO DI S.CERBONE

  SERAVEZZA

  GREVE

  VORNO DI CAPANNORI

  ISOLA DEL GIGLIO

  MARCHE

  SFORZACOSTA

  S.LUCIA IN CONSILVANO

  ARQUATA DEL TRONTO

  URBINO

  SENTINO

  COLLE RAPINA

  UMBRIA

  NORCIA

  LAZIO

  MONTE CROCE

  COLLE MORETTO

  AMASENO

  BORGOROSE

  ROCCADARCE

  AGOSTA

  ABRUZZO E MOLISE

  VALLE ATERNO

  BASSA VALLE ATERNO

  MONTEFERRANTE

  ACQUAVIVA COLLECROCE

  S.PIETRO AVELLANA

  CASTEL BOTTACCIO

  LARINO

  CARPINONE

  PESCINA

  TORRICELLA SICURA

  ROSELLO

  CAMPANIA

  MIGNANO MONTELUNGO

  BAIA E LATINA

  GALLO

  VALLE AGRICOLA

  SIANO

  PADULA

  CAPO PALINURO

  CATONA

  TREVICO

  MONTE CORVINO ROVELLA

  AQUARA

  PUGLIA

  VIESTE

  VICO DEL GARGANO

  BASILICATA

  MELFI

  TURSI

  CALABRIA

  GALATRO

  S.AGATA D'ESARO

  GRISOLIA

  CASSANO IONIO

  FABRIZIA

  MONTE EREMITA

  MAMMOLA

  SICILIA

  CASTELLO DI ERICE

  BELVEDERE DI SIRACUSA

  CASTELBUONO

  S.MARIA DEL BOSCO

  S.STEFANO IN QUISQUINA

  CIMINNA

  CALATABIANO

  TORTORICI

  CALVARUSO

  SARDEGNA

  TEULADA

  NARCAO

  BARBAGIA

  PROGRAMMI STRANIERI IN LINGUA FRANCESE PER LA VAL D'AOSTA

  PROGRAMMA FRANCESE

  TESTA D'ARPY

  S.NICOLAS

  AOSTA

  S.VINCENT

  COL DE COURTIL

  COURMAYEUR-LE PAVILLON

  PLATEAU ROS└

  LAZEI

  COGNE

  COL DE JOUX

  TORGNON

  ESTOUL

  CHAMPOLUC

  ARNAZ

  HONE-BARD

  PROGRAMMA SVIZZERO

  TESTA D'ARPY

  S.NICOLAS

  AOSTA

  S.VINCENT

  COL DE COURTIL

  COURMAYEUR-LE PAVILLON

  PLATEAU ROS└

  LAZEI

  COGNE

  COL DE JOUX

  TORGNON

  ESTOUL

  CHAMPOLUC

  ARNAZ

  HONE-BARD

  IMPIANTI TRASMITTENTI RADIOFONICI

  A MODULAZIONE DI FREQUENZA

  IN ESERCIZIO AL 30 GIUGNO 1975

  IMPIANTI...N. 1.832

  (ESISTONO,INOLTRE,N.53 IMPIANTI PER INOLTRO PROGRAMMI, CONTRIBUTI E COMMUTAZIONI).

  IMPIANTI TRASMITTENTI RADIOFONICI

  A MODULAZIONE DI FREQUENZA

  IN ESERCIZIO AL 30 GIUGNO 1975

  IMPIANTI PER I TRE PROGRAMMI NAZIONALI

  PIEMONTE

  ACQUI TERME

  ANDRATE

  BORGONE SUSA

  BORGO SAN DALMAZZO

  CANDOGLIA

  CANELLI SANTO STEFANO BELBO

  CANNOBIO

  CHIVASSO

  CIMA REDUTA

  COLLE CROCE DI CERES

  DEMONTE

  DOGLIANI

  DOMODOSSOLA

  FENESTRELLE

  GARESSIO

  LIMONE PIEMONTE

  MONDOV╠-MONTE MORO

  MONTE MOTTARONE

  MONTE SPINETO

  NASINO

  ORMEA

  OULX

  OVEDA

  PAMPAL┘

  PIAN DI MOZZIO

  PIEVE VERGONTE

  PONT CANAVESE

  PREMENO

  SALICETO

  SAN MAURIZIO DI FRASSINO

  SANTA MARIA MAGGIORE

  SESTRI╚ RE

  TETTI CHIOTTI

  TORINO(COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI STEREOFONICI.)

  VALDUGGIA

  VARALLO SESIA

  VARZO

  VILLAR PEROSA

  VALLE D'AOSTA

  AOSTA

  COGNE

  COL DE COURTIL

  COL DE JOUX

  COURMAYEUR-LE PAVILLON

  GRESSONEY

  MONTE COLOMBO

  PLATEAU ROSA

  SAINT VINCENT

  TESTA D'ARPI

  TORGNON

  LOMBARDIA

  APRICA

  BAGOLINO

  BARZIO

  BELLAGIO

  BIENNO

  BOCCA DI CROCE

  BRAVADINA

  CAMPO DEI FIORI

  CHIAVENNA

  CLUSONE

  COMO

  GARDONE VAL TROMPIA

  LECCO

  LEFFE

  LOVERO

  MADONNA DI OGA

  MILANO (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI STEREOFONICI.)

  MONTE CREĎ

  MONTE MARZIO

  MONTE ORSA

  MONTE PADRIO

  MONTE PENICE

  MONTE RENA

  MONTE SUELIO

  NAGGIO

  NARRO

  NOSSA

  OGGIONO

  PASPARDO

  POIRA

  PONTE DI LEGNO

  PRIMOLO

  SAN PELLEGRINO TERME

  SELVA PIANA

  SONDRIO

  STAZZONA

  TIRANO

  VALLE SAN GIACOMO

  TRENTINO-ALTO ADIGE

  ALBAREDO

  BADIA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  BASSA VAL LAGARINA

  BOCENAGO

  BOLZANO (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  BORGO VAL SUGANA

  BRUNICO (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  CAMPO TURES (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  CANAL SAN BOVO

  CIMA PALON

  CIMA PENEGAL

  COL ALTO IN BADIA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  COL PLAGNA

  COL RODELLA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  CONCA TESINO

  DOBBIACO (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  DRENA

  FIERA DI PRIMIERO

  FORTE CARRIOLA

  LASA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  MALLES VENOSTA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  MARANZA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  MARCA DI PUSTERIA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  MAREBBE (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  MIONE

  MOLVENO

  MONGUELFO (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  MONTE BRIONE

  PAGANELLA

  PASSO GARDENA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  PLOSE (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  PRATO ALLO STELVIO (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  RENON (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  ROVERETO

  SAN CANDIDO (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  SAN COSTANTINO DI FI╚ (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  SAN MARTINO DI CASTROZZA

  SANTA GIULIANA

  SAN VIGILIO (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  SARENTINO (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  TESERO DI FIEMME

  TIONE

  VALDAORA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  VALDASTICO

  VAL DI CEMBRA

  VAL DI PEJO

  VAL DI SOLE

  VAL GARDENA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  VALLE ISARCO (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  VAL VENOSTA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA TEDESCA.)

  VATTARO

  ZIANO DI FIEMME

  VENETO

  AGORDO

  ALLEGHE

  ARSI╚

  ARSIERO

  ASIAGO

  AURONZO

  BADIA CALAVENA

  COL BAION

  COL DEL GALLO

  COLLE SANTA LUCIA

  COL PERER

  COL VISENTIN

  COMELICO

  CORTINA D'AMPEZZO

  CORTINA-POCOL

  FORCELLA CIBIANA

  GOSALDO

  MALCESINE

  MASAR╚ DI ALLEGHE

  MONTE ARALTA

  MONTE CELENTONE

  MONTE LA GUSELLA

  MONTE MIRABELLO

  MONTE PLANAR

  MONTE RAGA

  MONTE VENDA

  OSPITALE DI CADORE

  PIEVE DI CADORE

  POLCENIGO

  RECOARO

  SAN ZENO

  SAPPADA

  SPIAZZI DI MONTE BALDO

  TARZO

  VALDAGNO

  VALLE DEL BOITE

  VERONA

  VICENZA

  FRIULI-VENEZIA GIULIA

  AMPEZZO

  ANDREIS

  CESCIANS (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA SLOVENA.)

  CIMOLAIS

  CLAUT

  COLLE DI UL

  FAIDONA

  FORCELLA DI GIAIS

  FORNI ALVOTRI

  FORNI DI SOPRA

  FORNI DI SOTTO

  FRISANCO

  GORIZIA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA SLOVENA.)

  MOGGIO UDINESE (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA SLOVENA.)

  MONTE PRISNIG (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA SLOVENA.)

  MONTE PURGESSIMO (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA SLOVENA.)

  MONTE SANTO DI LUSSARI (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA SLOVENA.)

  MONTE STAULIZZE (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA SLOVENA.)

  MONTE TENCHIA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA SLOVENA.)

  OVARO

  PAULARO

  PONTEBBA

  PORDENONE

  RAVASCLETTO

  RAVEO

  TOLMEZZO (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA SLOVENA.)

  TRAMONTI DI MEZZO

  TRIESTE (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI IN LINGUA SLOVENA.)

  UDINE

  LIGURIA

  BORDIGHERA

  BORZONASCA

  BRIO MONDO

  BUSALLA

  CAIRO MANTENOTTE

  CARPASIO

  CIMA TRAMONTINA

  FINALE LIGURE

  GENOVA

  IMPERIA

  LA SPEZIA

  MONTE BEIGUA

  MONTE BUROT

  MONTE CAPENARDO

  MONTE LAGHICCIOLO

  MONTE SAN NICOLAO

  MONTE TUGIO

  MONTE VETTA

  N╚

  PIEVE DI TECO

  PIZZO CERESA

  POLCEVERA

  PORTOFINO

  RIOMAGGIORE

  RONCO SCRIVIA

  SAN REMO-MONTE BIGNONE

  SAN ROCCO

  TORRIA

  TORRIGLIA

  VAL DI VARA

  EMILIA-ROMAGNA

  BAGNO DI ROMAGNA

  BARDI

  BELVEDERE DI SORBANO

  BERCETO

  BERTINORO

  BETTOLA

  BOLOGNA-COLLE BARBIANO

  BORGO TOSSIGNANO

  BORGO VAL DI TARO

  BRISIGHELLA

  C└ DEL VENTO

  CASOLA VALSENIO

  CASTELNUOVO NEI MONTI

  CASTROCARO

  CERIGNALE

  CIVITELLA DI ROMAGNA

  FARINI D'OLMO

  FORNOVO DI TARO

  LIGONCHIO

  MERCATO SARACENO

  MODIGLIANA

  MONCHIO DELLE CORTI

  MONTE CASTELLO

  MONTERENZIO

  MONTE SANTA GIULIA

  MONTESE

  MORFASSO

  OTTONE

  PAVULLO NEL FRIGNANO

  PIANE DI MOCOGNO

  PIEVEPELAGO

  PORRETTA TERME

  PREDAPPIO

  PREMILCUORE

  ROCCA SAN CASCIANO

  SALSOMAGGIORE

  SANTA SOFIA

  TREDOZIO

  VERGATO

  TOSCANA

  ABETONE

  AULLA-BASTIONE

  BAGNI DI LUCCA-LUGLIANO

  CAMAIORE

  CAPOLIVERI

  CARRARA

  CASENTINO

  CASTIGLIONCELLO

  CASOLA IN LUNIGIANA

  COLLE VAL D'ELSA

  FIRENZE-TERRAROSSA

  FIRENZUOLA

  FIVIZZANO

  GARFAGNANA

  GREVE

  LONDA

  LUNIGIANA

  MARRADI

  MASSA

  MINUCCIANO

  MONTE ARGENTARIO

  MONTE LUCO

  MONTE PIDOCCHINA

  MONTE SERRA

  MUGELLO

  PALAZZUOLO SUL SENIO

  PIAZZA AL SERCHIO

  PIEVE SANTO STEFANO

  PIOMBINO

  POGGIO PRATOLINO

  PONTASSIEVE-TORRE

  SAN CERBONE

  SAN GODENZO

  SAN MARCELLO PISTOIESE

  SASSI GROSSI

  SCARLINO

  SERAVEZZA

  STAZZEMA

  TALLA

  VAIANO

  VALLECCHIA

  VERNIO

  MARCHE

  ACQUASANTA TERME

  ANTICO DI MAIOLO

  ASCOLI PICENO

  CAMERINO

  CASTELSANTANGELO

  COLLE CARBONARA

  ESANATOGLIA

  FABRIANO

  FERMO

  FIASTRA

  FIUMINATA

  FRONTIGNANO

  MONTE CONERO

  MONTE NERONE

  MONTE SAN SILVESTRO

  MUCCIA

  PESARO

  PUNTA BORE TESINO

  SAN PAOLO

  SAN SEVERINO MARCHE

  SANTA LUCIA IN CONSILVANO

  SARNANO

  SENTINO

  SERRAVALLE DI CHIENTI

  SFORZACOSTA

  TOLENTINO

  VALLE DELL'ASO

  UMBRIA

  CASCIA

  CERRETTO DI SPOLETO

  FOLIGNO

  GROTTI DI VALNERINA

  GUADAMELLO

  GUBBIO

  MONTE PEGLIA

  MONTE SUBASIO

  NARNI

  NOCERA UMBRA

  NORCIA

  SELLANO

  SPOLETO

  TERNI

  LAZIO

  ALTIPIANI D'ARCINAZZO

  AMATRICE

  ANTRODOCO

  BORGOROSE

  CAMPO CATINO

  CARPINETO ROMANO

  CASSINO

  FIUGGI

  FONDI

  FORMIA

  GUADAGNOLO

  ITRI

  LENOLA

  LEONESSA

  MONTE CAVO

  MONTE CROCE

  MONTE FAVONE

  PESCOROCCHIANO

  ROCCA MASSIMA

  ROMA (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI STEREOFONICI.)

  SEGNI

  SETTEFRATI

  SEZZE

  SONNINO

  SUBIACO

  TERMINILLO

  TERRACINA

  TIVOLI

  VALLEPIETRA

  VELLETRI

  ABRUZZI

  ANVERSA DEGLI ABRUZZI

  BARREA

  CAMPLI

  CAMPO IMPERATORE

  CAMPOTOSTO

  CAPISTRELLO

  CARAMANICO

  CASTEL DI SANGRO

  CIVITA D'ANTINO

  FANO ADRIANO

  FUCINO

  L'AQUILA

  LUCOLI

  MONTE CIMARANI

  MONTE DELLA SELVA

  MONTEFERRANTE

  MONTEREALE

  MONTE SAN COSIMO

  MONTORIO AL VOMANO

  ORICOLA

  PESCARA

  PESCASSEROLI

  PIANA DI NAVELLI

  PIETRA CORNIALE

  ROCCA PIA

  ROCCARASO

  SCANNO

  SCHIAVI D'ABRUZZO

  SULMONA

  TERAMO

  TORRICELLA PELIGNA

  VILLA RUZZI

  MOLISE

  CAMPOBASSO

  CAPRACOTTA

  ISERNIA

  LARINO

  MONTE CERVARO

  MONTE PATALECCHIA-COLLICELLO

  CAMPANIA

  AGNONE

  AIROLA

  AQUARA

  BENEVENTO

  CAMPAGNA

  CAPOSELE

  CASERTA

  CAVA DEI TIRRENI

  FISCIANO

  FONTEGRECA

  FORIO D'ISCHIA

  GOLFO DI POLICASTRO

  GOLFO DI SALERNO

  MONTE DI CHIUNZI

  MONTE FAITO

  MONTE LATTANTI

  MONTE VERGINE

  NAPOLI-CAMALDOLI (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI STEREOFONICI.)

  NUSCO

  PADULA

  POSTIGLIONE

  SANT'AGATA DEI GOTI

  SANTA MARIA A VICO

  SANTA TECLA

  SESSA AURUNCA

  TEGGIANO

  TRAMONTI

  VALLE TELESINA

  PUGLIA

  BARI

  BRINDISI

  CASTRO

  LECCE

  MARTINA FRANCA

  MONTE CACCIA

  MONTE D'ELIO

  MONTE SAMBUCO (COMPRENDE ANCHE UN QUARTO IMPIANTO PER I PROGRAMMI STEREOFONICI.)

  MONTE SAN NICOLA

  MONTE SANT'ANGELO

  PALMARIGGI

  SALENTO

  SAN MARCO IN LAMIS

  SANNICANDRO GARGANICO

  SANTA MARIA DI LEUCA

  VIESTE

  BASILICATA

  AGROMONTE MILEO

  ANZI

  BARAGIANO

  BRIENZA

  CASTELMEZZANO

  CHIAROMONTE

  GORGOGLIONE

  LAGONEGRO

  MOLITERNO

  MONTE MACCHIA CARRARA

  PESCOPAGANO

  POMARICO

  POTENZA-MONTOCCHIO

  POTENZA-TEMPA ROSSA

  SAN COSTANTINO ALBANESE

  SPINOSO

  TEMPA CANDORE

  TEMPA DI VOLPE

  TERRANOVA DI POLLINO

  TRAMUTOLA

  TRECCHINA

  TURSI

  VIGGIANELLO

  CALABRIA

  ACRI

  AIETA

  BAGNARA CALABRA

  CAPO SPARTIVENTO

  CASIGNANA

  CATANZARO-MONTE TIRIOLO

  CHIARAVALLE CENTRALE

  CONFLENTI

  CROTONE

  GALATRO

  GARBARIE

  GRISOLIA

  GUARDAVALLE

  LAGO

  LAINO CASTELLO

  LONGOBUCCO

  MAMMOLA

  MESORACA

  MONTEBELLO JONICO

  MONTE EREMITA

  MONTE SCAVO

  MONTE SCURO

  MORANO CALABRO

  MORMANNO

  NOCERA TIRINESE

  ORSOMARSO

  PAPASIDERO

  PATERNO CALABRO

  PAZZANO

  PIZZO

  PLATI

  ROSETO CAPO SPULICO

  SAN GIOVANNI IN FIORE

  SAN MARCO ARGENTANO

  SELLIA

  SERRA SAN BRUNO

  SOLLERIA

  STALETTI

  VIBO VALENTIA

  SICILIA

  AGRIGENTO

  ALCAMO

  ANTILLO

  BELMONTE MEZZAGNO

  BELVEDERE DI SIRACUSA

  BORGETTO

  CALTANISSETTA

  CAPO D'ORLANDO

  CAPO MILAZZO

  CARINI

  CASTELBUONO

  CASTELLO DI ERICE

  CASTIGLIONE DI SICILIA

  CINISI

  CORLEONE

  FONDACHELLO

  GALATI MAMERTINO

  ISPICA

  LAMPEDUSA

  MARINEO

  MEZZOIUSO

  MISTRETTA

  MODICA

  MONTE CAMMARATA

  MONTE LAURO

  MONTE PELLEGRINO

  MONTE SORO

  NICOSIA

  NOTO

  NOVARA DI SICILIA

  PANTELLERIA

  PIAZZA ARMERINA

  PIRAINO

  PUNTA RAISI

  SANTA MARIA DEL BOSCO

  SANTO STEFANO QUISQUINA

  SAN VITO LO CAPO

  SCIACCA

  SCICLI

  SINAGRA

  TORTORICI

  TRAPANI-ERICE

  SARDEGNA

  ALGHERO

  ARBUS

  ARZANA

  BARBAGIA

  BITTI

  CAPRERA

  GAVOI

  IGLESIAS

  MARMILLA

  MONTE LIMBARA

  MONTE ORTOBENE

  MONTE SERPEDDI

  NARCAO

  NULE

  OGLIASTRA

  PUNTA BADDE URBARA

  SANT'ANTIOCO

  SARRABUS

  SASSARI

  SINISCOLA

  TERTENIA

  TEULADA

  VILLASIMIUS

  IMPIANTI TRASMITTENTI RADIOFONICI AD ONDA MEDIA

  IN ESERCIZIO AL 30 GIUGNO 1975 (ESISTONO,INOLTRE,N.2 IMPIANTI PROVVISORI PER PROVE SPERIMENTALI DI PROPAGAZIONE.)

  PROGRAMMA NAZIONALE:

  IMPIANTI... N.40

  SECONDO PROGRAMMA:

  IMPIANTI...N.64

  TERZO PROGRAMMA:

  IMPIANTI...N.23

  PROGRAMMI IN LINGUA SLOVENA:

  IMPIANTI...N.1

  IN COSTRUZIONE AL 30 GIUGNO 1975

  SECONDO PROGRAMMA:

  IMPIANTI...N.1

  IMPIANTI TRASMITTENTI RADIOFONICI

  AD ONDA MEDIA

  IN ESERCIZIO AL 30 GIUGNO 1975

  IMPIANTI TRASMITTENTI AD ONDA CORTA

  IN ESERCIZIO AL 30 GIUGNO 1975

  PROGRAMMA NAZIONALE:

  IMPIANTI...N.2

  SECONDO PROGRAMMA:

  IMPIANTI...N.1

  TERZO PROGRAMMA E NOTTURNO ITALIANO:

  IMPIANTI...N.1

  PROGRAMMI PER L'ESTERO:

  IMPIANTI...N. 6 (DI CUI 1 DI RISERVA.)

  IMPIANTI TRASMITTENTI AD ONDA CORTA

  IN ESERCIZIO AL 30 GIUGNO 1975

  CALTANISSETTA A

  CALTANISSETTA B

  PER IL PROGRAMMA NAZIONALE

  CALTANISSETTA C PER IL SECONDO PROGRAMMA

  ROMA PRATO SMERALDO PER IL TERZO PROGRAMMA PER IL NOTTURNO ITALIANO

  ROMA PRATO SMERALDO...

  ROMA PRATO SMERALDO...

  ROMA PRATO SMERALDO...

  ROMA PRATO SMERALDO...

  ROMA PRATO SMERALDO...

  ROMA PRATO SMERALDO (RISERVA)...IRRADIANO PROGRAMMI PER L'ESTERO

  IMPIANTI TRASMITTENTI AD ONDA LUNGA

  IN ESERCIZIO AL 30 GIUGNO 1975

  PROGRAMMA NAZIONALE:

  IMPIANTI...N. 1

  IMPIANTI TRASMITTENTI AD ONDA LUNGA

  IN ESERCIZIO AL 30 GIUGNO 1975

  CALTANISSETTA (PROGRAMMA NAZIONALE)

  SERVIZIO DI FILODIFFUSIONE

  CITT└ SERVITE AL 30 GIUGNO 1975

  AGRIGENTO

  ALESSANDRIA

  ANCONA

  AREZZO

  BARI

  BERGAMO

  BIELLA

  BOLOGNA

  BOLZANO

  BRESCIA

  BUSTO ARSIZIO

  CAGLIARI

  CALTANISSETTA

  CAMPOBASSO

  CASERTA

  CATANIA

  CATANZARO

  COMO

  COSENZA

  CREMONA

  CUSANO MILANINO

  FERRARA

  FIRENZE

  FOGGIA

  FORL╠

  GALLARATE

  GENOVA

  L'AQUILA

  LA SPEZIA

  LECCE

  LECCO

  LEGNANO

  LIVORNO

  LUCCA

  MANTOVA

  MESSINA

  MILANO

  MODENA

  MONZA

  NAPOLI

  NOVARA

  PADOVA

  PALERMO

  PARMA

  PERUGIA

  PESARO

  PESCARA

  PIACENZA

  PISA

  PISTOIA

  POTENZA

  PRATO

  RAPALLO

  RAVENNA

  REGGIO CALABRIA

  REGGIO EMILIA

  RIMINI

  ROMA

  SALERNO

  SAN REMO

  SASSARI

  SAVONA

  SIENA

  SIRACUSA

  TARANTO

  TORINO

  TRENTO

  TREVISO

  TRIESTE

  UDINE

  VARESE

  VENEZIA

  VERONA

  VIAREGGIO

  VICENZA

  CITT└ DOVE ╚ IN CORSO LA COSTRUZIONE DEGLI IMPIANTI

  AL 30 GIUGNO 1975

  AOSTA

  ASCOLI PICENO

  ASTI

  AVELLINO

  BENEVENTO

  BRINDISI

  CHIETI

  ENNA

  GROSSETO

  IMPERIA

  LODI

  MACERATA

  MASSA CARRARA

  NUORO

  PAVIA

  RAGUSA

  SEREGNO

  TERAMO

  TERNI

  TRAPANI

  VERCELLI

  VIGEVANO

Annesso AB

ALLEGATO B

  IMPIANTI TRASMITTENTI TELEVISIVI

  IN PROGETTAZIONE AL 30 GIUGNO 1975

  PROGRAMMA NAZIONALE:

  IMPIANTI...N.3

  SECONDO PROGRAMMA:

  IMPIANTI...N.5

  IMPIANTI TRASMITTENTI TELEVISIVI

  IN PROGETTAZIONE AL 30 GIUGNO 1975

  PROGRAMMA NAZIONALE

  LIGURIA:

  PONTEDASSIO

  TRENTINO ALTO ADIGE:

  MONTE BRIONE

  UMBRIA:

  PONTE PARRANO

  SECONDO PROGRAMMA

  BASILICATA:

  POTENZA-INA

  LIGURIA:

  PONTEDASSIO

  SICILIA:

  FIUMEDINISI

  TOSCANA:

  GORFIGLIANO

  UMBRIA:

  PONTE PARRANO

  IMPIANTI TRASMITTENTI RADIOFONICI AD ONDA MEDIA

  IN PROGETTAZIONE AL 30 GIUGNO 1975

  PROGRAMMA NAZIONALE:

  IMPIANTI...N.3 (DI CUI 1 RIGUARDA UN TRASFERIMENTO SU NUOVA POSIZIONE.)

  SECONDO PROGRAMMA:

  IMPIANTI... N.2 (DI CUI 2 RIGUARDANO TRASFERIMENTI SU NUOVA POSIZIONE.)

  IMPIANTI TRASMITTENTI RADIOFONICI AD ONDA MEDIA

  IN PROGETTAZIONE AL 30 GIUGNO 1975

  PROGRAMMA NAZIONALE:

  ALTO TIRRENO (GOLFO BARATTI O ALTA LOCALIT└)

  PORDENONE

  SASSARI (TRASFERIMENTO SU NUOVA POSIZIONE)

  SECONDO PROGRAMMA:

  COMO (TRASFERIMENTO SU NUOVA POSIZIONE)

  SASSARI (TRASFERIMENTO SU NUOVA POSIZIONE)

  SERVIZIO DI FILODIFFUSIONE

  CITT└ PER LE QUALI ╚ IN CORSO LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI

  AL 30 GIUGNO 1975

  BELLUNO

  CUNEO

  FROSINONE

  GORIZIA

  ISERNIA

  LATINA

  MATERA

  PORDENONE

  RIETI

  ROVIGO

  SONDRIO

  VITERBO

05.01.09

Per intervenire su questo argomento scrivi a

Top - Indice della sezione - Home

ę Manlio Cammarata 2009

Informazioni di legge